Tour del relitto 64: HMS Scilla

HMS Scilla
HMS Scilla

Interrompiamo questa serie per presentarvi un relitto che è affondato solo di recente e, grazie al clima mite di marzo, lo ha fatto giusto in tempo e sul posto. IL Scilla è il primo reef artificiale del Regno Unito e JOHN LIDDIARD non vedeva l'ora di provarlo. Illustrazione di MAX ELLIS

PER REGOLARE TOUR DEL RELITTO SEGUACI aspettando il Ashford, scusa, dovrai aspettare un mese. Con il relitto più recente del Regno Unito affondato con successo e in tempo il 27 marzo, abbiamo dovuto organizzare un tour del Scilla nel programma il prima possibile.

Tra il London International Dive Show e un periodo di maltempo, passarono quasi due settimane prima che riuscissi, il Venerdì Santo, ad arrivare al Scilla con il centro immersioni di Plymouth. Sembrava che tutte le barche per le immersioni provenienti da Plymouth fossero sul relitto, anche se, per un tempismo fortuito, la maggior parte stava proprio finendo e ho visto solo pochi altri subacquei sott'acqua.

Nelle vicinanze, una barca stava approfittando di un vuoto James Eagan Layne su una banca vacanza – deve essere stata la prima volta!

Ci sono tre boe segnaletiche sul Scilla, a prua, a poppa e sulla sovrastruttura, dove la prua è più a sud-ovest. Scendendo dalla boa di prua in acque basse, la catena scende sul lato del relitto prima di avvolgersi su e attraverso un grillo avvitato al centro del ponte (1).

C'è una pendenza appena percettibile a dritta, che è apparentemente ciò a cui mirava il National Marine Aquarium (NMA).

A prua (2), tre pesanti catene conducono agli ormeggi che reggevano la Scilla sul posto mentre affondava. Uno corre attraverso la cubia dell'ancora su entrambi i lati; l'altro attraverso la punta dell'arco.

Una catena d'ormeggio scompare lungo una cubia
Una catena d'ormeggio scompare lungo una cubia

Mentre gran parte dei file Scilla mostra ancora i resti della verniciatura grigia originale della Royal Navy, con macchie di ruggine visibili attraverso, le ringhiere hanno quello che sembra uno strato fresco di primer argentato. Notevoli sono anche i bordi arrotondati del ponte, progettati per eliminare l'acqua su una nave che poteva rimanere ferma anche nei mari più agitati con il ponte inondato.

Tornando indietro da prua oltre tre paia di bitte, l'area del ponte che avrebbe dovuto contenere gli argani dell'ancora è stata aperta per lasciare un ampio buco nel castello di prua (3). Accanto al ponte sono fissati dei segnali di avvertimento di colore giallo brillante sui pericoli derivanti dall'entrare in un relitto e che ricordano ai subacquei che entrano a proprio rischio e pericolo.

i segnali di pericolo sono fissati in modo ben visibile vicino alla maggior parte delle aperture nel relitto
I segnali di pericolo sono fissati in modo ben visibile vicino alla maggior parte delle aperture nel relitto

Più indietro, il ponte di prua è inclinato verso il ponte principale anziché scendere, come si potrebbe incontrare sulla maggior parte delle navi mercantili. Nel frattempo, sulla linea centrale una sezione rialzata (4) era il supporto per un sistema missilistico Sea Wolf.

Ora c'è una piastra quadrata saldata al ponte da cui partono cinque sezioni di tubo d'acciaio: il supporto per lo spettacolo pirotecnico quando il Scilla fu affondato.

Su entrambi i lati della piattaforma Sea Wolf ci sono coppie di canali quadrati reticolati (5). Questi sono i supporti per i missili antinave Exocet nei loro contenitori di lancio a sezione quadrata.

La parte successiva del nostro percorso procede a zig zag su e giù. Non mi aspetterei che un subacqueo segua un percorso così letteralmente, ma è un modo più conveniente per descrivere le caratteristiche del relitto piuttosto che girarci attorno a spirale.

Nella parte superiore della sovrastruttura si trova la timoneria (6). A questo si può accedere attraverso le finestre aperte, attraverso un foro praticato nel tetto, o dal corridoio dietro di esso attraverso il portello aperto fino al ponte-ala da entrambe le parti.

riflettori sull'ala del ponte
Riflettori puntati sul ponte-ala

L'interno è stato in gran parte ripulito. Sebbene l'NMA abbia lasciato molti accessori e attrezzature sul posto durante tutto il Scilla, se tutto fosse stato lasciato, la timoneria sarebbe stata troppo affollata per i subacquei.

Restano ancora la chiesuola di governo, anche se senza bussola né ruota, e il tavolo da carteggio contro la paratia posteriore.

Dietro la timoneria, un ampio vano riconduce ad un grande foro praticato nel tetto appena davanti al ceppo dell'albero maestro (7), da cui pende una scala metallica. Proprio dietro c'è un'altra di quelle piastre quadrate, con cinque sezioni di tubi d'acciaio allargati,

Sotto la timoneria, un altro portello aperto (8) conduce in una zona di cabine. Da qualche parte qui intorno c'è la cabina del capitano e una cassaforte in cui gli operai del cantiere navale hanno lasciato qualche intrattenimento patinato per i subacquei tecnici più accaniti. Ho cercato ma non sono riuscito a trovarlo: ovviamente sono solo un tekkie leggero.

Sotto il ponte principale sono presenti numerosi fori praticati nella fiancata dello scafo; molti più buchi di quanti possano essere esplorati in una singola immersione. Un ponte più in basso e appena a poppa della timoneria, un paio di buchi (9) conducono a scompartimenti pieni di console di tracciamento radar e sonar, con display circolari e grandi pulsanti dappertutto.

Console nella sala operativa
Console nella sala operativa

Di nuovo in cima alla sovrastruttura, la base di un piedistallo con una cornice solida (10) era, sospetto, il supporto per un cannone antiaereo leggero.

Al centro della sovrastruttura l'imbuto è stato tagliato completamente (11) lasciare sul ponte un profilo rialzato e un foro chiuso da spesse grate. Su entrambi i lati ci sono dei cunei sul ponte per sostenere le barche della nave (12).

Appena a poppa dei supporti della barca, un altro piedistallo e una solida cornice sono identificabili dalle fotografie come la base per un lanciatore di chaffe (13) – razzi che lancerebbero nuvole di fogli di alluminio per confondere i radar nemici. Questi sono seguiti da altri cunei sul ponte di una barca più piccola o di una zattera di salvataggio (14).

La parte posteriore della sovrastruttura è dominata dall'hangar per elicotteri, alto due ponti e che copre quasi l'intera larghezza della nave. Dalla sovrastruttura, il modo più semplice per entrare è attraverso un foro praticato nel tetto (15).

L'interno è grande, molto più grande dell'hangar dell'idrovolante sulla M2 sottomarino. Anche così, non doveva esserci molto spazio per i gomiti con un elicottero Lynx a bordo. Alle pareti ci sono scaffali per attrezzature, pannelli di controllo e, in prossimità del carburante per aerei, molte attrezzature antincendio.

avvolgitubo antincendio nell'hangar per elicotteri
Avvolgitubo antincendio nell'hangar per elicotteri

L'uscita è facile attraverso la porta aperta dell'hangar (16) sul ponte di volo. Su entrambi i lati le ringhiere che circondano il resto della nave lasciano il posto a sezioni di rete incernierate. Al centro, un anello bianco (17) segna ancora il bersaglio dell'atterraggio, ora occupato dall'ultima delle piastre quadrate con tubo d'acciaio per i fuochi d'artificio.

tubi d'acciaio utilizzati per lo spettacolo pirotecnico quando la Scilla fu affondata
Tubi d'acciaio utilizzati per spettacoli pirotecnici quando Scilla fu affondata

La poppa è asimmetrica. Il ponte di volo si estende lungo tutto il lato di dritta, mentre il lato di babordo scende al livello del ponte (18). Al centro ci sono altri due fori praticati nel ponte per consentire l'accesso ai compartimenti sottostanti. 

Questo è più che sufficiente per un'immersione di un'ora, quindi il nostro tour termina risalendo la boa di poppa. Una catena zincata grigia si trova su un ponte dipinto di grigio, quindi la linea di boa (19) non è facile da individuare.

Fatta eccezione per alcune deviazioni all'interno, il nostro tour ha previsto un'immersione per principianti sul relitto. Una fregata da 2,500 tonnellate è molto più complicata da esplorare rispetto a una nave mercantile di dimensioni simili. Ci sono molti altri compartimenti aperti ai subacquei attraverso la sovrastruttura, poi tre livelli di ponti sotto il ponte principale accessibili attraverso fori praticati sul lato dello scafo (20).

all'interno della timoneria
All'interno della timoneria

Il mio unico rammarico è che, nell'interesse della sicurezza e, soprattutto, della responsabilità, la sala macchine sia stata sigillata riempiendola di cemento (21). È un peccato, perché LeanderLe fregate di prima classe erano le ultime navi da guerra tradizionali a vapore della Marina.

UNA CARRIERA COMPLETA E ATTIVA

Il suo numero di stendardo era F71. Fu varata dal cantiere navale di Devonport l'8 agosto 1968, con un carico di 2,500 tonnellate a fascio largo Leanderfregata di prima classe e la quarta nave da guerra ad essere battezzata HMS Scilla poiché 1809, scrive Kendall McDonald.

Il 14 febbraio 1970, si unì alla flotta occidentale nel Mediterraneo con il suo equipaggio di 263 persone, raggiungendo la velocità massima di 28 nodi con i suoi motori a turbina da 30,000 CV durante le prove vicino a Gibilterra. Trasportava missili Seacat, un elicottero Lynx e cannoni da 4.5 pollici.

Nel 1971 si unì alla Far East Fleet in Australia, Giappone, Singapore e Hong Kong e poi alla Beria Patrol, tornando a Plymouth nel febbraio 1972. Nel gennaio 1973 entrò in collisione con il traghetto Torpoint-Devonport nella nebbia. Nessuno è rimasto ferito, ma il suo capitano è stato portato davanti alla corte marziale e giudicato negligente.

Giocare agli autoscontri con le navi da pesca islandesi durante la guerra del merluzzo del 1972-1976, Scilla guadagnato la reputazione di nave da guerra RN più resistente per la protezione della pesca. Nel giugno 1973 fu accusata di aver aiutato due pescherecci da traino britannici a speronare la cannoniera islandese Arhakur.

Scilla affermò semplicemente di essere rimasto a guardare. Sei giorni dopo, tuttavia, ha intrapreso un'azione positiva dopo essere stata speronata dalla cannoniera Egiro. Speronò all'indietro con molta più forza e la cannoniera si allontanò zoppicando.

Scilla in seguito sembrava essere ovunque: a intrattenere il presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter a bordo al largo delle Isole Sottovento, nella Manica per spargere le ceneri di Mare crudele autore Nicholas Montserrat e, nel 1980, aiutando le vittime dell'uragano Allen nelle isole Cayman. Nel 1986 era in servizio nella Pattuglia del Golfo e, nel 1992, le fu concessa la libertà di Aberdeen.

Dicembre 1993 ha visto Scilla pagato. E il 27 marzo 2004, la fregata di 113 metri, con una larghezza di 13 metri e un pescaggio di 6 metri, è stata “posizionata” sul fondo del mare a 21 metri nella baia di Whitsand, non lontano da Devonport.

GUIDA TURISTICA

ARRIVARCI: Seguire la A38 verso Plymouth e seguire le indicazioni per Queen Anne's Battery e National Marine Aquarium.

IMMERSIONE E ARIA: Centro immersioni di Plymouth. Aria da Immersione sonora.

ALLOGGIO: Le camere sono disponibili a Mountbatten.

MAREE: Le Scilla è possibile immergersi con qualsiasi stato della marea.

COME TROVARLO: Le coordinate GPS sono 50 19.64N 03 15.20W (gradi, minuti e decimali). Il relitto giace con la prua rivolta a sud-ovest, segnalato da tre boe subacquee gialle e una boa dati.

LANCIO: Ci sono grandi foglietti alla Queen Anne's Battery e al Mountbatten Centre.

QUALIFICHE: I principianti possono immergersi nelle parti meno profonde del relitto.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 1900, Si avvicina a Plymouth. Mappa dell'Ordnance Survey 202, Torbay e zona sud di Dartmoor. Guida alla barriera corallina di Scilla - Acquario marino nazionale.

PRO: Più che sufficiente per mantenere felice un appassionato di relitti per diverse immersioni.

CONS: Non c’è vita marina su di esso – o non ancora.

Grazie a Emma Knapman e Juan Ramero

Apparso su Diver, giugno 2004

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x