Tour del relitto 55: Arbitro dell'HMS

Wreck Tour 55 HMS Arbitro
Wreck Tour 55 HMS Arbitro

Dietro questo relitto di sottomarino britannico della Seconda Guerra Mondiale al largo di Norfolk si nasconde una storia di eroismo e, sebbene sia stato recuperato, c'è ancora molto da apprezzare per i subacquei, afferma JOHN LIDDIARD. Illustrazione di MAX ELLIS

Riguardando l'elenco di Tour dei relitti, Mi rendo conto che sono passati secoli dall'ultima volta che abbiamo presentato un sottomarino, l'ultimo è stato il UC70 al largo di Whitby (Tour del relitto 10, dicembre 1999). Quindi, per tutti quei fanatici dei sottomarini che sono stati così tristemente trascurati, il tour di questo mese riguarda l'HMS Arbitro, un relitto della Seconda Guerra Mondiale di soli 18 metri, situato a 15 miglia al largo della costa settentrionale del Norfolk.

Quando mi sono immerso nell'HMS Arbitro lo sparo era stato catturato appena a poppa del centro della nave (1). Il sottomarino si trova sul lato di tribordo, quindi la superficie superiore qui è il lato di babordo. Guardando avanti, la chiglia è a sinistra e la coperta a destra.

In questa zona poco profonda c'è molta luce naturale, che serve a migliorare la visibilità. Lo scafo è rivestito da un fitto tappeto di idroidi, con ciuffi di grossi anemoni piumati sulle costole esposte.

Andando a prua, lo scafo si rompe presto e crolla dove sarebbe stata la sala di controllo principale, sotto la torre di comando (2). Il relitto acquisisce quindi più struttura, con la parte inferiore dello scafo piuttosto solida, sebbene la parte superiore sia completamente spezzata (3).

e batterie
Batterie

Pile di batterie possono essere viste attraverso gli spazi vuoti nel ponte interno, dove le piastre rettangolari sono cadute.

Quattordici dei 31 membri dell'equipaggio furono persi quando l'HMS Arbitro è stato accidentalmente speronato dal peschereccio dell'Ammiragliato Pietro Hendriks, quindi questo sottomarino dovrebbe essere trattato come una tomba di guerra, con un approccio alle immersioni "guarda ma non disturbare".

Detto questo, ciò che costituisce e ciò che non costituisce avventurarsi all'interno di un relitto che è stato fatto saltare in aria da un recupero commerciale può essere un po' ambiguo.

Aragosta sotto le piastre di prua dell'HMS Umpire
Aragosta sotto i piatti di prua

All'estremità prodiera della sala di controllo, una paratia intatta la separa dalla sala siluri (4). Il portello che fu chiuso così eroicamente quando la sala siluri si allagò, ora è aperto.

Rimanendo all'esterno dello scafo, una sezione di tubo piegato giace appoggiata al ponte dal fondale marino, con cavi drappeggiati sopra. Tutti sono ricoperti di anemoni. La prima caratteristica del ponte di prua è il portello per il caricamento dei siluri (5), un tubo inclinato angolato in avanti nel ponte, attraverso il quale i siluri sarebbero stati fatti scivolare nella sala siluri.

Il portello è aperto e pende in basso, incernierato al lato di dritta del relitto. Guardando dentro, attraverso la sala siluri si può vedere un bagliore verde proveniente dalla rottura più avanti.

Successivamente lungo il ponte arriva il portello di fuga di prua (6), nuovamente aperto. IL Pietro Hendriks colpì l'HMS Arbitro vicino a prua, allagando la sala siluri di prua. Mentre altri fuggirono attraverso il portello di fuga di poppa, nessuno sopravvisse dalla parte anteriore del relitto, quindi molto probabilmente questo portello fu aperto durante il successivo recupero.

L'ultimo oggetto su questa sezione intatta del ponte di prua è un piccolo verricello dell'ancora (7). Normalmente questo sarebbe stato racchiuso dallo scafo esterno, ma la prua a prua di qui è solo detriti. A prua del verricello dell'ancora, il relitto è rotto praticamente completamente.

Guardando indietro all'interno della sala siluri, quello che sembra un siluro da ricaricare riposa sul lato inferiore del relitto.

Più avanti, il relitto è piatto sul fondo del mare, solo poche piastre curve che si innalzano sopra la sabbia, alcune con flange e valvole sporgenti (8). È difficile dire quanto di questo danno sia stato causato dalla collisione originale e quanto dal successivo recupero per recuperare i quattro tubi lanciasiluri dal loro metallo non ferroso.

Una discreta quantità di relitti è caduta dal ponte, quindi durante la nuotata a poppa vale la pena fare un piccolo giro, mantenendo in vista il corpo principale del relitto. Uno degli idrovolanti di prua sta dritto nella sabbia (9), quasi all'altezza del salpa-ancora.

Perno della pistola
Cardine della pistola

Oltre ai tubi lanciasiluri, l'HMS Arbitro era armato con un cannone da 12 libbre, un cannone da 3 pollici e tre mitragliatrici da 0.303 pollici.

Appena fuori dal centro della nave, su un lato si trova il supporto per il cannone anteriore da 12 libbre (10) con una sezione della piastra dello scafo appoggiata sopra di essa. La pistola stessa è scomparsa, presumibilmente recuperata, o forse è sepolta da qualche parte nelle vicinanze. Sicuramente non ce ne sono segni sotto il piatto.

Vicino alla base del supporto del cannone, ma ancora staccato dal corpo principale del relitto, una sezione curva di metallo parzialmente sepolta nella sabbia e ghiaia è ciò che rimane della torre di comando. (11).

Il cannone da 3 pollici si trova più a poppa, adagiato su un lato mezzo sommerso nel fondale marino e nuovamente separato dal corpo principale del relitto (12).

Il timone dell'arbitro dell'HMS
Timone

Da qui il nostro giro prosegue verso poppa (13), dove il timone è una struttura aperta leggermente inclinata a sinistra (in alto) e il piano di immersione leggermente inclinato verso il basso. L'albero dell'elica di sinistra sporge sul lato superiore del relitto (14), essendo l'oggetto stesso un altro oggetto che sarebbe stato recuperato. L'albero di tribordo è interrato.

La sezione di coda è staccata dal resto del relitto dove è stata aperta la sala macchine (15). Penso che l'obiettivo principale dei soccorritori qui sarebbe stato quello di ottenere il rame dai motori elettrici, e i resti di quella che sembra l'armatura di un motore elettrico giacciono ripuliti dai suoi avvolgimenti tra i detriti. È dal portello di fuga della sala macchine che l'equipaggio sopravvissuto nuota in superficie.

La squadra di salvataggio commerciale sapeva sicuramente cosa stava facendo. Il relitto è stato completamente aperto, proprio dove si trovavano i principali oggetti di recupero: i motori elettrici, gli strumenti della sala di controllo, i periscopi, i tubi lanciasiluri di prua.

La catena cinematica di un sottomarino è collegata in questa sequenza: motore diesel, motore elettrico/generatore, scatola del cambio, albero, elica. Guardando indietro all'interno della sezione di coda, i riduttori sono ancora fissati agli alberi dell'elica anche se, come ho notato, sono stati separati dai motori elettrici.

Proseguendo in avanti, il relitto riacquista una certa struttura (16). Sotto il ponte interno ci sono più batterie; i sottomarini trasportano un'enorme quantità di batterie da utilizzare in immersione, e queste verrebbero montate per tutta la lunghezza dello scafo sotto il ponte interno, fungendo anche da zavorra stabilizzante.

Uno dei motori diesel è caduto dal relitto ed è riparato da una sezione dello scafo (17). L'altro giace parzialmente nascosto dai detriti all'interno della parte principale dello scafo. Salire sul lato sinistro dello scafo riporta il nostro tour al punto di partenza. Poiché è improbabile che un'immersione a 18 metri finisca con la decompressione, la risalita più semplice è risalire la linea di tiro.

ARRIVARCI: Dirigersi verso Cambridge o Kings Lynn, poi Fakenham, quindi seguire la B1105 verso Wells-next-the-Sea e la A149 verso Blakeney. Due miglia prima di Blakeney, svoltare a sinistra a Morston al cartello per Morston Marina. Fai attenzione ai feroci dossi. Il tender parte dalla prima fila di vecchi pontili in legno.

MAREE: Il rallentamento dell'acqua è essenziale e si verifica tre ore dopo l'acqua alta a Blakeney.

COME TROVARLO: Le coordinate cartacee sono 53 09.9N 001 06.1E (gradi, minuti e decimali).

IMMERSIONE E ARIA: Immersione a Norfolk, barca Desert Moon. Compressore a bordo.

LANCIO: Scivolare o lanciarsi dalla spiaggia vicino all'acqua alta a Cromer, Blakeney, Morston e Wells. Dopo l'immersione dovrai rimanere fuori per il resto della marea.

ALLOGGIO: Norfolk Dive Charters e Dive Norfolk forniscono B&B.

QUALIFICHE: Solo 18 metri di profondità, quindi questo relitto è adatto a chi ha qualifiche minime.

ULTERIORI INFORMAZIONI: Carta dell'Ammiragliato 108, Si avvicina al Wash. Mappa Landranger dell'Ordnance Survey 132, Norfolk nordoccidentale, Kings Lynn e Fakenham. I naufragi di Norfolk, di Stephen Holt.

PRO: Un sottomarino ben aperto offre molto a cui pensare.

CONS: I porti sono soggetti alle maree. La visibilità può essere imprevedibile.

Grazie a James Holt, Stephen Holt, John Martin e Dave King.

Apparso su Diver, settembre 2003

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x