Vuoi immergerti in un relitto da un milione di monete?

Jeb Robinson
Jeb Robinson

Quarantasette anni fa, Jeb Robinson si immergeva fino a nove volte al giorno su un relitto del Mare del Nord della Seconda Guerra Mondiale, profondo 24 metri – il suo regime deco potrebbe sorprendervi – per liberarlo dal suo contenuto non ferroso. Nel processo raccolse una moneta misteriosa che sarebbe tornata a tormentare i suoi sogni. Ci sono altri milioni ancora a bordo? "Ho solo bisogno di saperlo", dice a STEVE WEINMAN

Un sommozzatore di 87 anni, ex soccorritore e proprietario di un relitto del Mare del Nord che si ritiene contenesse 32 scatole di monete rare, è alla ricerca di esperti sommozzatori in grado di esplorare la nave e il suo contenuto potenzialmente prezioso per suo conto.

Nonostante la sua età, fino a pochi anni fa Jeb Robinson sperava di poter guidare di persona una squadra di sub, ma la pandemia di coronavirus ha messo fine ai suoi piani quando si è trasferito lontano dalla sua contea natale, lo Yorkshire. 

Ora vive nel nord di Cipro con sua moglie Pauline e continua ad aiutare la scuola di immersione locale, ma le promesse e le incertezze che circondano il Benmacdhui significa che questo intrigante relitto non è mai lontano dalla sua mente.

"Se i subacquei hanno accesso a una barca decente, sarebbero i benvenuti a vedere cosa riescono a trovare", afferma il subacqueo veterano, che ha accumulato circa 60 anni di esperienze di salvataggio subacqueo. “Penso che sia un vero vaso di Pandora. Si trova a 15 miglia dalla costa orientale, a 24 metri d’acqua, a non più di due ore di navigazione dal porto più vicino”.

La nave da carico da 6,869 tonnellate e 132 metri Benmacdhui aveva assistito alla prima guerra mondiale come nave da rifornimento delle forze di spedizione britanniche. Era stata costruita nel 1911, originariamente come Den di Airlie e poi Archimedes. Fu nel 1932 che si unì alla Ben Line e le fu dato il suo nome definitivo.

Benmacdhui scomparve da un convoglio della Seconda Guerra Mondiale che aveva lasciato Immingham per Hong Kong il 21 dicembre 1941. È stato registrato che aveva preso fuoco ed era affondata dopo aver colpito una mina tedesca - si pensa senza perdite di vite umane, nonostante i rapporti iniziali. Nel 1946 la Royal Navy aveva danneggiato ulteriormente il relitto, utilizzando bombe di profondità per distruggere gli ordigni a bordo.

Il Benmacdhui
Il Benmacdhui

Robinson si immerse per la prima volta in quello che allora era un relitto non identificato per raccogliere rottami metallici nel 1976. La nave di salvataggio della sua squadra, la Fama utilizzava un magnetometro trainato per trovare potenziali tracce e, una volta individuata una promettente anomalia del fondale marino, si immergeva per indagare.

Le condizioni del mare erano buone quel giorno, ricorda, e scese a centro nave sul relitto, che era rotto a metà, per scoprire grandi quantità del suo carico di metalli non ferrosi sparsi sul fondo del mare.

C'erano lingotti di rame, ottone e stagno e circa 50 tonnellate di filo di rame, oltre a resti di mine e proiettili. C'era anche una spedizione di banconote di Hong Kong.

"Durante la prima immersione mi sono imbattuto anche in una piccola moneta, che ho conservato come souvenir", dice Robinson. Presumeva che si trattasse di spiccioli appartenenti a uno dei Ben'vite. Quando, riemergendo, gli avevano chiesto cosa avesse trovato, aveva sollevato la moneta e fatto ridere esclamando: “Siamo ricchi!”

Non ferrosi

La squadra lavorò sul relitto per alcuni giorni per recuperare il carico non ferroso che si trovava nella stiva n. 1: Robinson ricorda che a quei tempi poteva immergersi fino a otto o nove volte al giorno, contando su una sosta di cinque minuti. a 10 metri ogni volta come precauzione contro la malattia da decompressione. Sembrava che funzionasse.

Successivamente contattò la Salvage Association e fece in modo che la sua compagnia Humber Divers acquistasse il relitto, ora identificato come Benmacdhui. Poi è passato al lavoro successivo, lasciando i suoi rottami per un altro giorno.

Quando la Humber Divers fu liquidata negli anni '1980, Robinson trasferì la Benmacdhui in proprietà privata per mantenere i diritti di salvataggio, soggetti all'approvazione del ricevitore del relitto.

Fu solo molti anni dopo, nel 2015, che Robinson venne avvicinato da un amico subacqueo turco. Quattro anni prima, Robinson gli aveva regalato alcune monete che aveva raccolto negli anni come regalo di nozze, e tra queste c'era anche quella che aveva trovato sul Benmacdhui.

Questa elica da oltre 20 tonnellate proveniente dal fiordo di Oslo era una delle più grandi sollevate dal Mare del Nord e Jeb Robinson si è tuffato da solo per farla saltare dall'albero e incatenarla.
Questa elica da oltre 20 tonnellate della Fiordo di Oslo è stato uno dei più grandi sollevati dal Mare del Nord, dice Jeb Robinson, che si è tuffato da solo per soffiarlo via dall'albero e incatenarlo per sollevarlo.

Il suo amico aveva preso la moneta per farla valutare, anche se aveva aspettato alcuni anni prima di suggerire a Robinson di riprenderla e mostrarla a uno specialista del Regno Unito. 

L'esperto inizialmente credette che la moneta fosse un falso, ma successivamente fu in grado di confermare che si trattava in realtà di un rarissimo pezzo da 1941 centesimo di Hong Kong del 1. A quel punto si pensava che ne esistessero ancora non più di 100, la maggior parte essendo stata fusa per fornire metallo allo sforzo bellico. È noto che i collezionisti di monete pagano fino a £ 16,000 per averle.

Robinson riuscì a impossessarsi di parte della lista di carico della nave e a svolgere ulteriori ricerche, che lo portarono a credere che la Benmacdhui trasportava 32 casse di monete di bronzo. Altre monete rare che sembrano essere state incluse nella spedizione includono pezzi da 1941 centesimo del Sarawak del 1. 

Monete non fuse

Secondo il Monete del mondo guida ai prezzi, sono state coniate complessivamente 5 milioni di monete da 1 centesimo di Hong Kong e divise in tre lotti. È stato identificato che uno di questi aveva raggiunto Hong Kong ed era stato fuso per produrre munizioni. Il secondo lotto era stato richiamato nel Regno Unito e anch'esso fuso. 

Si ritiene che la terza spedizione di 13.5 tonnellate di monete sia avvenuta sul Benmacdhui. Era stato un puro caso che Robinson avesse trovato la moneta – e ancora una volta il caso che il sub turco avesse sospettato che fosse preziosa.

Da allora i colleghi di Robinson hanno rivisitato il relitto e recuperato una dozzina di monete sparse di Hong Kong e Sarawak. Ma ritiene che le cassette delle monete siano rimaste intatte nella stiva n. 2, che era stata completamente sigillata con quattro strati di cemento borse prima della partenza della nave per scoraggiare qualsiasi tipo di intrusione.

Monete da 1 centesimo di Hong Kong e Sarawak trovate sul Benmacdhui
Monete da 1 centesimo di Hong Kong e Sarawak trovate sul Benmacdhui

"La gente mi dice, se quella singola moneta ha valore solo perché ce ne sono così poche al mondo, quanto varrà se si scopre che ce ne sono milioni sul relitto?" dice Robinson. “Io dico loro: quanto valgono un milione di centesimi? Deve essere una situazione vantaggiosa per tutti”.

Un mistero che permane è come esattamente Benmacdhui venne ad affondare. La ricerca di Robinson ha identificato che nel 1942 il suo skipper, il Capitano Campbell, comparve in tribunale con l'accusa di sabotaggio: sembra che, lungi dall'essere causata da una mina tedesca, un'esplosione interna avrebbe potuto portare alla morte della nave, e lui fu ritenuto responsabile. . Ma questa è un'altra storia.

Un avvertimento: ogni tentativo di penetrare i segreti della stiva n. 2 comporterebbe un duro lavoro. I subacquei sono seriamente intenzionati ad esplorare il Benmacdhui sono invitati a contattare Jeb Robinson all'indirizzo jebrobinson@hotmail.com

Anche su Divernet: Sono aperti 4 spettacoli sui ricchi relitti e sui tesori fluviali, Raddoppia i soldi per le monete del naufragio di Scilly, Pezzi Da Otto E Tazze Da Tè Sul Relitto Di San José, I subacquei trovano monete di contrabbando a Rooswijk

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x