La gioia dello snorkeling

archive – Other Diving TopicsThe Joy of Snorkelling

Non-competitive diving without scuba gear often gets overlooked or regarded as a fall-back, but snorkelling brings its own pleasures and, where big animals are concerned, is often the only practical approach. Essay by Steve Warren

2:XNUMX: RETROILLUMINATO DA UNA POTENTE LUCE SUL PONTE that had lured the copepods and small fish that, in turn, had enticed the world’s largest fish to circle the Maldivian liveaboard’s stern, I watched the whale shark’s belly flash dirty white for an instant as my strobes fired.
I tried to follow as the shark cruised overhead and out of the beam, and was suddenly disorientated. Looking up, all was black. Attempting to surface, I found with my head the hull of the support dhoni that was tied alongside the bigger boat. Now, at least, I could see stars.
Ero andato alla deriva sotto le barche e nell'oscurità totale proiettata dalle loro ombre. Ho nuotato fuori da sotto di loro e ho respirato il mio primo respiro in 90 secondi.
Snorkelling was my introduction to the underwater world and I’m still smitten. In 1970, as a seven-year-old, I’d left the Midlands to live in a Gibraltar beach-front hotel. A modest house reef stretched out from the shore. The prime-time TV series The Undersea World of Jacques Cousteau was fresh in my memory, and I was drawn inexorably to the water.
Sono rimasto immediatamente affascinato. Anemoni verde lime svolazzavano nell'ondata, stelle marine iridescenti brillavano di cobalto contro le rocce marrone chiaro e l'orata a strisce nere e argento catturava i raggi gialli danzanti del sole mediterraneo del tardo pomeriggio.

PRESTO LE MIE AMBIZIONI turned to scuba-diving. That proved a difficult transition. Back then you had to be 14 to dive, and formazione took place through an amateur club system. BSAC branches dominated formazione in England, to which I’d returned, but none was local to me.
A 16 anni, armato di un set da sub, un po' di coaching informale e un manuale di immersione, ho imparato in gran parte da autodidatta. A 18 anni sono entrato in una filiale in Cornovaglia per ricevere una formazione adeguata. Dopo 11 mesi di riunioni settimanali, avevo spuntato solo una serie di abilità subacquee in piscina, quindi sono tornato alle immersioni con i banditi.
I was 23 before I got a formal qualification. By then it was possible to go to a professional PADI school and get trained and certified in five days, which is what I did.
One reason BSAC formazione was so drawn-out was the emphasis on learning snorkelling before you ever got near a scuba-set.
Historically, BSAC included snorkelling in its entry-level course to build watermanship, self-confidence and because, in the early days of the sport, when many dives took place from the shore, snorkellers provided safety cover for the scuba-divers. BSAC rarely revised its training programmes.
In the early 1980s, PADI began its worldwide expansion. Paring down its existing course, it concentrated on the essentials as it saw them.
Snorkel-training was all but deleted. What little remained was shifted, so that it took place after students had already learned basic scuba skills.
PADI’s radical restructuring was prompted by the belief that students found it easier to learn scuba skills before learning snorkelling, which requires breath-holding and a greater comfort level in the water.
PADI also embraced a business model that said: give the customers what they want. And customers weren’t signing up to scuba classes to become snorkellers.
In truth, even those scuba-divers who had gone through snorkel training rarely chose to use the skill afterwards.
Snorkelling is, however, a very rewarding and useful skill for recreational divers. It’s something you can enjoy when you can’t rent scuba tanks or get air, or to extend your time in the water between scuba-dives. And it can be a way to continue your explorations when age or ill-health calls time on your scuba career.

A VOLTE, COME VEDREMO, snorkelling is simply the best way to enjoy some of the most spectacular marine-life encounters the oceans have to offer. As a former BSAC, PADI and NAUI diving istruttore, I support the relegation of snorkelling to a minor part of scuba-training. But on a personal level, I and many others would encourage scuba-divers who haven’t given snorkelling a fair crack to think again.
Let’s draw a distinction between snorkelling and freediving. I had the pleasure of being on a trip with Mark Harris, author of the freedivers’ guide to underwater fotografia, Vetro e Acqua. Nick Balban, il nostro capitano, mi ha fatto notare dopo un'immersione: "Wow, sei rimasto giù più a lungo di Mark!"
Of course I was. I had been kneeling in 10m, desperately trying to unpick my camera menus to take a photograph, and had lost track of time. But the long, deep snorkel-dives that champion freedivers such as Mark make so effortlessly are beyond me.
It is in the shallows that snorkelling has gifted me its finest moments. Mostly I’ve stayed within 6m of the surface, breath-holding for only a minute or so. This is well within most people’s capabilities, including children’s.
Among the main motivations for abandoning scuba for snorkels is the vibration and noise open-circuit and semi-closed-circuit scuba produces from exhaled bubbles.
Some fish avoid scuba-divers because of this. Divers either don’t see them at all or get just a glimpse as they rapidly seek the cover of the reef or safety of distance.

MOLTI MIGLIORI FOTOGRAFI SUBACQUEI and film-makers first learned to stalk shy fish with a speargun, and now combine the snorkelling skills and marine field-craft they learned then to succeed behind the camera now.
But it is with encountering megafauna that snorkelling often scores spectacularly over scuba. In 2001 I flew with Andrew (AJ) Pugsley, also a scuba istruttore, to South Africa to photograph great white sharks under the expert guidance of those outstanding shark-wranglers Andre Hartman and Mike Rutzen.
Era una carta privata. Speravamo di immergerci senza gabbia, ma le condizioni quell'anno erano contro di noi, con scarsa visibilità e squali esuberanti. Quindi siamo rimasti nelle gabbie ed eravamo grati per la loro protezione.
At first we had breathed through regulators connected by hoses to scuba-tanks on Black Cat’s deck, but we quickly abandoned them. “We tried the hookah system, largely just because it was there,” says AJ. “Although we tried it only for a short time it seemed that the bubbles might be putting the sharks off, at least until they’d become used to it.
“Il fatto è che non si tratta di una frenesia di un gran numero di animali, si tratta generalmente di individui che all’inizio si avvicinano con cautela. Volevamo sfruttare al massimo il tempo limitato che avevamo. Gli squali devono continuare a muoversi, quindi fai dei passaggi e poi ritorna. Ciò significava che non vi era alcun vantaggio reale nell’utilizzo di autorespiratori, ma solo potenziali svantaggi”. 
Al largo di Gansbaai, non è consentito dare da mangiare agli squali. Ciò potrebbe spiegare perché sono più inclini a eludere i subacquei che gorgogliano rispetto ad altri punti caldi dove vengono nutriti, una ricompensa per restare nei paraggi e, forse, per superare la loro avversione per le esalazioni.
Il maltempo del Capo delle Tempeste, che aveva insabbiato le acque, aveva reso impossibile la navigazione per alcune settimane prima del nostro arrivo. Diversi registi e fotografi professionisti non avevano potuto lavorare e non avevano più tempo per realizzare le loro riprese.
We were asked if we would share our boat. David Doubilet, shooting a white-shark assignment for National Geographic rivista, joined us for a day.
Guidato da Mike Rutzen, David aveva tentato di lavorare brevemente all'aperto con un grande bianco solitario. Mike si era ancorato vicino al bordo di un letto di alghe, usandolo e la barca per limitare l'avvicinamento degli squali, creando un'arena per rendergli più facile il controllo dell'incontro.

BOTH MEN CHOSE TO SNORKEL. Si sono tuffati insieme, David con la sua macchina fotografica, Mike con un fucile scarico per allontanare con decisione lo squalo se necessario.
La luce che si affievoliva indusse rapidamente Mike a chiamare l'ora. I grandi bianchi indossano l’acqua sporca come un mantello dell’invisibilità.
The following year, we left the cages. We watched the reaction that bubbles from an ungainly drysuited scuba-diver could provoke. As one photographer submerged, his strobe arm had collapsed. Reaching up to reposition it, air had gushed from his cuff-dump and the great white shark that had taken so long to attract bolted, never to return.
Mi ha ricordato un fotografo subacqueo americano che aveva provato uno dei primi rebreather semichiuso durante le immersioni con gli squali martello.
It had proven a disadvantage. “With open circuit I can hold my breath, so as not to spook the approaching shark,” he explained. “With the SCR, it just blows off bubbles at exactly the wrong time.” We used snorkels.
L'arte del senso dello squalo di Andre è stata quella di essere in grado di creare una situazione in cui l'esca attirava quattro grandi squali bianchi abbastanza vicino a noi da creare un'esperienza avvincente, pur sapendo che ognuno avrebbe fatto solo un esame superficiale mentre nuotava e se ne andava. 
"Andre", ha affermato categoricamente il nostro padrone di casa Mervyn Meyer, "pensa come uno squalo".
During the long days waiting for whites, we would sometimes go snorkelling. Crossing the sand trails that split the seaweed canopies that we explored and hid in was like crossing a road for me. Look left, look right, look left again and swim for it. After all, we were in the sharks’ prowling grounds, and our bait flowed on the tide.
Tra le alte fronde di alghe, AJ è stato ingrandito da una foca. Ho visto la coppia giocare insieme, rotolare a botte e fare capriole. "Essere in acqua con la foca, entrambi trattenendo il respiro, potrebbe essere meglio descritto come il parallelo acquatico di un gioco tridimensionale di inseguimento con un cane", ricorda AJ.
“C'era una chiara interazione e, dal punto di vista pratico, non essere gravato da attrezzature ingombranti significava che potevo muovermi rapidamente, girare bruscamente e non preoccuparmi dei cambiamenti di pressione.
“On the emotional side, it felt much more meaningful than it would have if I’d used scuba. On scuba it would have been a different experience, because you couldn’t play as much.”

DOVE IL CIBO NON FUNZIONA as a ploy to bring an animal in close enough to observe or photograph, having fun can. A marine biologist and expedition leader who alternates his working life between the Arctic Circle and the Antarctic continent, Jamie Watts is another scuba istruttore who evangelises snorkelling.
Jamie is well-known to DIVER readers for superbly researched and beautifully written creature features. Playing is a tactic that Jamie, with his deep insights into pinnipeds, the family to which seals and sea-lions belong, recommends. He has used it to work with the only seal believed to regard humans as prey.
"Adoro le foche leopardo", afferma Jamie con entusiasmo. “Di tutti gli animali che ho visto nell’acqua in qualsiasi parte del mondo, le foche leopardo sono le più fluide, le più audacemente curiose. Interagiscono, si impegnano.
“Sono l’unico sigillo che conosco che trattiene il tuo sguardo. Non si limitano a guardarti, interagiscono con te a un livello che la maggior parte delle foche non fa. Sono l'unica vera foca che nuota con tutti e quattro gli arti, più simili a un leone marino. La loro agilità e il modo in cui si muovono nell'acqua sono diversi da qualsiasi altra cosa sul pianeta. Sono assolutamente bellissimi.”
Jamie crewed the 2014 Antarctica Elysium project led by Michael Aw. He helped to organise snorkelling with the leopard seals for top photographers including David Doubilet and Emory Kristoff, and famed big-animals specialist Amos Nachoum. 
Di Elysium Jamie dice: "Il compito che Michael ha assegnato al gruppo era quello di produrre la più grande rappresentazione visiva della penisola antartica, del mare scozzese e dell'area della Georgia del sud che fosse mai stata realizzata, e penso che probabilmente ci sia riuscito."
Jamie concorda con AJ sul fatto che l'attrezzatura subacquea ti rende goffo in acqua. “Le immersioni subacquee ti rallentano e ti rendono molto ingombrante. Limitando il tuo raggio di movimento, tende anche a limitare il tuo campo visivo, quindi non puoi girarti, non puoi torcerti e non puoi impegnarti.
“L’altro lato è che dal punto di vista dell’animale diventi piuttosto noioso. Come apneista puoi girare, girare e interagire ed essere molto più interessante per la foca.
“Conosco troupe della BBC che, quando vogliono filmare le foche leopardo, mettono qualcuno in acqua solo per tenerlo interessato in modo che non si annoi e si allontani. È una cosa a doppio senso. Devi essere abbastanza interessante da incuriosire l'animale abbastanza da interagire con te.
Così come l’uscita dalle gabbie per incontrare lo squalo bianco, che ormai rasenta la routine, il nuoto libero con le foche leopardo sta diventando sempre più comune.
In parte ciò è dovuto a persone come Jamie, che hanno acquisito sempre più esperienza in acqua con le foche, nonostante la loro reputazione.

QUELLA REPUTAZIONE È STATA RAFFORZATA by the 2003 death of British Antarctic Survey (BAS) scientist Kirsty Brown, while snorkelling.
Kirsty was not deliberately seeking out leopard seals, and the animal was unseen before it struck her, taking her by the head and dragging her down to 70m.
“Non è stato un evento completamente isolato”, afferma Jamie, che ha lavorato per BAS. “Le indagini hanno dimostrato che c’erano stati più tentativi di cattura da parte delle foche leopardo, di solito sotto il ghiaccio o attorno ai bordi del ghiaccio marino in inverno e in primavera.
"C'erano storie che risalgono ai primi tempi degli esploratori, quando le foche si avvicinavano e sfondavano il ghiaccio e cercavano di catturare le persone, ma senza riuscirci."
Proprio come Andre e Mike erano stati aperti sui rischi del nuoto libero con i grandi bianchi, Jamie è sincero riguardo ai pericoli che rappresentano le foche leopardo. "Naturalmente, stai scegliendo di entrare in acqua con un animale che è molto più grande di te e può spazzarti via molto, molto facilmente, quindi bisogna capire che questo dipende completamente dal capriccio dell'animale." , e che le cose potrebbero andare storte e l’animale potrebbe trasformarsi”.
La manovrabilità che Jamie esorta lo aiuta, a suo avviso, a rispondere allo stesso modo alle manifestazioni e al linguaggio del corpo delle foche. “Un tema ricorrente negli incontri con le foche leopardo è che inizialmente le foche sembrano interessate, ma distaccate, e poi diventano un po’ più curiose, un po’ più audaci e un po’ più a loro agio con te.
"Riceviamo quelli che considero saluti, il che potrebbe comportare che nuotano direttamente verso di te, mostrino i denti e poi indietreggino.
“Una delle idee accettate, se possiamo vantare abbastanza esperienza per chiamarla così, è che se fai qualcosa di simile in cambio, hai creato una sorta di comprensione. Se a quel punto fai un piccolo affondo indietro, stabilisci un limite.
“L’esperienza finora dimostra che funziona. Potrebbe non funzionare per sempre”.
Chiedo a Jamie se potrebbe avere la stessa esperienza con i mammiferi marini durante le immersioni. La sua risposta è inequivocabile. "No, assolutamente no, nemmeno lontanamente."
Mark Koekemoer originally learned to dive through the South African Underwater Union. He went through a training programme that included a strong snorkelling content, similar to the early BSAC programmes I had experienced.
Nello Stretto di Gibilterra, le capacità di Mark di trattenere il respiro si sarebbero rivelate essenziali per fotografare con successo i globicefali. 
"C'erano due ragioni convincenti per cui non potevamo usare le immersioni nello Stretto", spiega Mark. “Il primo era la velocità con cui dovevamo entrare in acqua per incontrare le balene, e la velocità con cui a volte dovevamo uscire per evitare la navigazione.
“In secondo luogo, il modo in cui si comportano le balene implicava che anche noi dovessimo essere veloci e manovrabili.
"Una volta che sei in acqua, perdi di vista le balene in arrivo finché non sono quasi sopra o sotto di te, quindi devi essere pronto a tuffarti e intercettarle all'istante."
Le bolle possono essere sgradite intorno ai mammiferi. “Soffiare bolle può essere un segno di intimidazione nei confronti di molte foche e leoni marini. I leoni marini in particolare fanno bolle come segno di minaccia”, osserva Jamie Watts. 
Anche AJ, Mark e io avevamo sperimentato questo comportamento con i globicefali. Spesso facevano seguito al ribollire con altre manifestazioni di minaccia, inclusi finti morsi, colpi di coda e, cosa più inquietante, spingendoci contro la superficie. 
Di conseguenza, le stesse bolle di un subacqueo possono essere interpretate sia come una minaccia, che spinge l’animale ad allontanarsi o almeno a mantenere le distanze, sia come una sfida da affrontare con la forza.

NON È SOLO L'ESOTICO megafauna encounters that make snorkelling so much fun, so intriguing and, for underwater photographers, so productive. It can also be the sheer amount of time you can spend in the water, free to work your subjects and able to chase the best light, unhindered by the rigid schedules of a dive-centre or dive-boat.
A Dahab, Mark e io ci siamo goduti meravigliose immersioni dalla nave da crociera tascabile Aeolus. Ora aspettavamo di partire mentre faceva retromarcia agli ormeggi. 
Ai tempi d’oro dell’Egitto, brigate di sommozzatori avevano attraversato il molo mentre si imbarcavano e sbarcavano dalla piccola flotta di barche che condividevano il molo, ma pochi avevano gettato lo sguardo nelle sue ricche acque.
Marco lo ha fatto. "Con l'ultima immersione del charter terminata, desideravo ancora essere in acqua", mi dice. “Con poco traffico di barche dal molo e trovandosi alla fine della laguna, è stata un'esperienza molto tranquilla. 
“I enjoy the freedom of not having to go with the extra scuba gear. I love not having to constantly check my pressure gauge – I can just fully absorb the experience, and time goes out of the window.
“Avevamo visto branco di pesci leone da sopra il molo, quindi sapevo che doveva esserci almeno quello spettacolo da catturare con la fotocamera. Mi sono trovato proprio nel bel mezzo dell'azione, fotografando i pesci leone mentre predavano i pesci esca.
“Due murene maschi geometrici stavano combattendo tra loro, per il territorio o per una femmina. Un grande comune polipo si era stabilito sotto il molo. Ha fornito ampie opportunità fotografiche e ha posato con grazia per noi mentre saltava da un pilastro all'altro.
“Dwarf scorpionfish lined up along the pier supports. They presented a great opportunity to try out my bugeye lens.” Over the next couple of days, we returned again and again to take pictures in the shadows below the boardwalk and on the sprawling sun-dappled sandflats surrounding it.
Anche a Mikidani, in Tanzania, Mark aveva trascorso ore a scattare foto accanto a una diga marittima che costeggiava la strada costiera della piccola città in cui alloggiavamo.
Descrive una delle sue migliori immersioni. “Era il tardo pomeriggio, dopo la nostra ultima immersione. Era sereno, non c'era un'anima in vista. La laguna era piatta, la superficie come uno specchio, il sole cominciava a tramontare.
“Le meduse senza pungiglione erano in abbondanza. Volevo fare qualche scatto contro la luce del sole screziata. Ho trascorso anni in acqua, fotografando meduse da tutte le angolazioni e, mentre il sole tramontava, la luce trasformava le immagini una per una.
“Mentre gli ultimi raggi scomparivano oltre l’orizzonte, potevo sentire, ma non vedere, le creature della laguna prendere vita. Era come il suono di una città che si sveglia nelle prime ore del mattino.
"Ho camminato indietro lungo la strada della baia, quasi nel buio pesto, dirigendomi verso uno o due lampioni in lontananza, riflettendo sulla meravigliosa esperienza che avevo vissuto da solo nella laguna." Il punto di Mark è ben espresso. La ricerca donchisciottesca delle acque profonde da parte dei subacquei spesso significa che possiamo trascurare la ricca abbondanza di opportunità offerte lungo il percorso. 

SNORKELLING CAN ALSO KEEP in acqua quando l'opportunità di immergersi è passata. Richard Thorn, vicino ai 60 anni, è un subacqueo veterano che recentemente ha avuto bisogno di ripensarsi.
“Negli ultimi anni mi sono reso conto che il rapporto costi-benefici della subacquea, visto il mio interesse per fotografia, has not been as clear as it used to be,” he says.
“As I’ve got older the effort of getting in and out of boats and up and down slips and steps loaded with gear, drysuits, weights, SLR camera and housing and lights has rarely matched the reward of making good pictures.
“Dopo essermi immerso per molti anni, essere stato ovunque volessi andare, aver ottenuto tutto ciò che potevo come istruttore ed essere stato ufficiale subacqueo nazionale, presidente e vicepresidente dell'Irish Underwater Council (IUC), stavo iniziando a chiedermi quanto stavo uscire dalle immersioni.
After a hip replacement in April 2015, Richard was back up and about by mid-June. “As part of the rehab I was doing a lot of snorkelling, and I found that with just wetsuit, light weights and fins, mask, snorkel and camera I was really enjoying the freedom of no heavy gear and no pressure to rush for boats.
“Perhaps crucially as well, I found that snorkelling allowed me to make the sort of images I like to make. Not having scuba equipment was not really an issue.”
Poi Richard ha subito un’emergenza medica quasi fatale che ha richiesto una dissezione dell’aorta ascendente – un intervento chirurgico che ha un tasso di sopravvivenza di circa il 10%.
“Ottenere questo è relativamente insolito; sopravvivere è molto insolito. Essere un subacqueo, ottenerlo e sopravvivere è inaudito”, afferma Richard. Un innesto all'interno dell'aorta da dove lascia il cuore gira intorno e lungo la parte discendente dell'aorta e non sono state condotte ricerche sull'impatto che i cambiamenti della pressione interna avrebbero sull'innesto.
“In consultation with the president of the medical commission of the IUC we decided that it would be best if I was not a guinea pig,” says Richard. “So I took the decision to give up diving. However, the president was quite happy that I could continue snorkelling.”

COME SCUOLA I had weaved my way through the tide-pools left by an ebbing tide off Looe in Cornwall, belly-flopping seal-like across the kelp-slicked reef to reach the next oasis. I found myself in the company of gobies and shrimp and tiny scuttling crabs.
I bacini contenevano così tanta vita intrappolata di cui potevo meravigliarmi, a una distanza così ravvicinata e nessuna a più di mezzo metro d'acqua. Sono rimasto estasiato per ore.
L'estate scorsa, in una piccola piscina marina a Lanzarote che quasi si asciuga con l'acqua bassa, mi sono ricordata di quell'esperienza di 40 anni fa. Stavo guardando le bavose.
I pesci erano audaci. Si alzarono su un piccolo masso, fissandomi. Le scottature solari mi avevano staccato le spalle e all'improvviso mi resi conto della sensazione che la pelle fosse arruffata e poi tirata.
Then I got bitten. A shoal of bream had set about me. Emboldened by snorkellers hand-feeding them bread, the fish were used to snatching a meal from incautious sun-worshippers.
A gangly young boy wearing mask and snorkel slipped in beside me, arms and legs flailing about the place. Those few fish enthralled him and, perhaps, in that modest lagoon, he’ll find his own life-time’s inspiration to scuba-dive, as I did in Gibraltar nearly a half century before.
But, if he does, I hope he will never lose the joy of snorkelling.

Apparso su DIVER maggio 2017

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x