Nuova protezione per volpe, seriche e raggi del diavolo

archivio – Notizie sulle immersioniNuova protezione per volpe volpe, seta e raggi del diavolo

Gli ambientalisti marini hanno accolto con favore l'elenco ufficiale delle razze diavolo, degli squali volpe e degli squali seta nell'Appendice II della CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione).

Le proposte, avanzate alla recente CITES #CoP17 World Wildlife Conference di Johannesburg, in Sud Africa, sono state sostenute da oltre i due terzi dei paesi (parti della convenzione) necessari per l’adozione.

L’Appendice II della CITES obbliga le parti a mantenere le restrizioni al commercio internazionale per garantire che le esportazioni siano sostenibili e legali. Ora hanno sei mesi per attuare i nuovi obblighi per le nove specie di razza diavolo, e un anno per fare lo stesso per le tre specie di squali volpe.

“Questa è una grande vittoria per tutte queste specie di squali e razze, poiché i governi di tutto il mondo dovranno ora agire per garantire che il commercio provenga da una pesca sostenibile e legale”, ha affermato Andy Cornish del WWF.

Pur accogliendo con favore l'inserimento nell'elenco degli squali seta, Ali Hood dello Shark Trust ha sottolineato che "limiti di pesca complementari e misure per ridurre le catture accidentali sono fondamentali per l'efficace conservazione di questa specie".

Commentando la protezione degli squali volpe, Ania Budziak di Project AWARE ha dichiarato: “Siamo grati che i governi riconoscano il valore di popolazioni sane di squali volpe sia per la pesca che per il turismo”.

E riguardo alle razze, Sonja Fordham di Shark Advocates International ha commentato: “Siamo euforici per il clamoroso sostegno alla salvaguardia delle razze diavolo, alcuni degli animali più vulnerabili degli oceani”. Le razze del diavolo sono eccezionalmente suscettibili alla pesca eccessiva perché hanno solo un cucciolo ogni due o tre anni.

Alla conferenza sono state inoltre concordate misure per migliorare la tracciabilità dei prodotti derivanti da squali e razze.

Project AWARE, Shark Advocates International, Shark Trust, TRAFFIC, Wildlife Conservation Society e WWF stanno lavorando in collaborazione per promuovere le proposte di inserimento nell'elenco delle razze e degli squali, con il supporto della Paul G Allen Family Foundation.

Ci sono 183 parti aderenti alla CITES e il #CoP17 è considerato il più grande incontro mai realizzato nel suo genere, con 152 governi che prendono decisioni su 62 proposte di inserimento in un elenco di specie presentate da 64 paesi. Più di 3500 persone hanno partecipato alla conferenza, che la stessa CITES ha definito “un punto di svolta”.

È possibile trovare schede informative sulle 13 specie di squali e razze elencate qui

Divernet – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

11-Ott-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x