Come si è diffusa la subacquea tecnica nel mondo

Il subacqueo tecnico Tom Mount
(Matteo Hoelscher)

Parlando tecnicamente è l'ultimo libro del principale autore di immersioni SIMON PRIDMORE, ed è una lettura divertente e informativa imperdibile per ogni subacqueo che vuole capire come è nata e si è sviluppata la subacquea tecnica. Per darvi un'idea, ecco un estratto da uno dei capitoli in il volume 1: Genesi ed esodo – è tutta una questione di espansione

Leggi anche: I subacquei tecnici di Guz fissano l'appuntamento invernale


L'immersione tecnica non è esplosa nel mondo della subacquea sportiva. Non è esploso. Non aveva i mezzi per scoppiare. C’erano troppi fattori e forze opposte. In primo luogo, c’era resistenza all’interno dell’establishment subacqueo, dove molti erano preoccupati che espandere l’idea di cosa costituisse un’immersione per divertimento potesse minacciare la reputazione, l’indipendenza e la salute economica dell’intero sport.

E poi ci sono stati ostacoli logistici e carenze istituzionali, come la mancanza delle attrezzature giuste, la disinformazione, l’ignoranza generale e la mancanza di conoscenza ed esperienza, per non parlare del timore di conseguenze legali.

Per estendere la metafora, col senno di poi puoi vedere il progresso della subacquea tecnica più come un flusso di lava, lento, costante, inesorabile, inevitabile e implacabile, che supera gli ostacoli trovando un modo per superarli o assorbendoli, piuttosto che abbattendoli.

È interessante notare che l’espansione mondiale è avvenuta più rapidamente dell’accettazione da parte del mainstream negli Stati Uniti, patria della subacquea tecnica.

* Solo dieci anni dopo che Dick Rutkowski fondò la IAND, PADI annunciò il proprio programma subacqueo Nitrox.

* Sono trascorsi otto anni tra Tom Mount, Billy Deans e Bret Gilliam che hanno introdotto i primi corsi di certificazione subacquea trimix IANTD e PADI che ha aggiunto tec e trimix alla sua piramide di addestramento.

* I subacquei sportivi hanno seguito corsi di rebreather con istruttori IANTD e TDI per 16 anni prima che PADI salisse a bordo del carro a circuito chiuso.

Utilizzo PADI come esempio qui perché è di gran lunga la più grande agenzia di addestramento subacqueo al mondo ed è ampiamente percepita come sinonimo della corrente principale della subacquea sportiva.

Quindi non c'è stata alcuna esplosione. Le attività e l’interazione di persone come Bill Hamilton, Sheck Exley, Bill Stone, Billy Deans e Michael Menduno tra la metà e la fine degli anni ’1980 – un periodo che definisco il crogiolo della subacquea tecnica – hanno generato la scintilla per ciò che sarebbe venuto, ma non è stato così. produrre un big bang.

Col senno di poi, questo era inevitabile. Dopotutto, molte cose dovevano cambiare affinché esistesse un mondo della subacquea in cui qualcuno potesse entrare in un negozio di immersione, esprimere interesse per le immersioni nitrox o tecniche e iscriversi a un corso. Il negozio doveva avere il personale e i mezzi per insegnare il corso, l'attrezzatura da prestare o vendere agli studenti e il/i gas che dovevano utilizzare.

Il negozio doveva anche avere una licenza per rilasciare ai laureati di successo la prova che ora sapevano cosa stavano facendo sotto forma di carte di certificazione accettate a livello internazionale, in modo che potessero andare in altri posti e noleggiare attrezzature o acquistare gas.

Infine, per attirare nuovi subacquei nitrox o tecnici, dovevano esserci barche e resort nelle destinazioni subacquee desiderabili che potessero offrire il tipo di immersioni per cui sarebbero stati qualificati.

Per creare questo mondo, i promotori, i creatori e gli agitatori della subacquea tecnica dovrebbero prima raccogliere, discutere, condividere conoscenze, impostare sistemi e procedure, concordare i dettagli e le strutture dei corsi, creare un gruppo di insegnanti, stabilire protocolli di miscelazione dei gas, avere l'attrezzatura giusta disponibile in quantità sufficiente e trovare il modo di trasformare il tutto in un’esportazione oltre che in un business interno.

Tutto ciò richiederebbe tempo. Il fatto che gran parte di esso fosse in atto ben prima che arrivasse l’accettazione della subacquea tradizionale è piuttosto sorprendente.

Dick Rutkowski si ritirò dal servizio governativo degli Stati Uniti nel 1985 e fondò la propria azienda Hyperbarics International, sfruttando il suo principale campo di competenza. Ha anche avviato un'attività secondaria basata sulla sua grande idea, ovvero insegnare ai subacquei sportivi come immergersi con Nitrox.

Usare il nitrox al posto dell'aria come gas respirabile per le immersioni con una bombola senza soste di decompressione era un concetto che aveva dimostrato il suo valore in campo scientifico, ma era praticamente sconosciuto nel mondo della subacquea sportiva. E Rutkowski era l'unico ad averlo. Il nome che ha scelto per la sua nuova agenzia didattica, l'International Association of Nitrox Divers (IAND), mostra la sua ambizione. Aveva intenzione di portare la sua grande idea nel mondo.

Se lo costruisci, arriveranno. Questo era ciò che stava pensando.

Allo stesso tempo, a Key West Diver, 100 miglia a sud della base di Rutkowski a Key Largo, in Florida, Billy Deans stava sviluppando la sua grande idea. Spinto in parte dalla morte subacquea di un caro amico nel 1985, si mise alla ricerca di come rendere le immersioni profonde quanto più sicure possibile, migliorando e perfezionando costantemente i processi, le attrezzature e la scelta dei gas e ideando un corso di formazione in modo da poter potrebbe vendere la sua conoscenza ad altri.

Nessun altro lo stava facendo. Come Rutkowski, Deans offrì un prodotto unico che aveva il potenziale per trasformare il mondo della subacquea sportiva. Credeva anche che se lo costruisci, arriveranno.

E vennero, ma Rutkowski e Deans si imbatterono entrambi nel problema che affligge le piccole imprese in ogni campo dell’attività umana: la scalabilità. Il numero di clienti a cui potevano soddisfare era limitato dal tempo che avevano a disposizione.

Perché dipendeva tutto da loro. La loro conoscenza era il prodotto e loro erano anche il dispositivo di consegna. La loro unicità era la loro debolezza.

Nessuno dei due aveva i mezzi per costruire una rete o un mercato. Rutkowski non aveva un Manuale Nitrox Diver formale fino al 1989 e, fino al 1992, l'unico materiale di riferimento che i Presidi potevano offrire agli studenti era una cartella di ricerca contenente documenti fotocopiati che aveva raccolto da varie fonti.

All'inizio, una carta di certificazione nitrox era praticamente inutile. Rutkowski era l'unica fonte di rifornimenti di nitrox. Se non vivevi a breve distanza da casa sua, dovevi ricorrere alla miscelazione del gas da solo o ingannare il tuo negozio di immersione locale facendoti rifornire di aria in una bombola parzialmente riempita di ossigeno.

La prima opzione comportava il pericolo di un'esplosione di ossigeno in casa; il secondo ha rischiato di far saltare in aria la sala compressori del tuo negozio di immersione preferito. Questa non era una situazione ideale.

Nel caso di Deans, il suo negozio di immersione era l'unico al mondo a implementare il tipo di protocolli di immersione profonda che lui insegnava, come la fornitura di ossigeno in acqua da grandi bombole sulla barca tramite fruste extra lunghe ai subacquei su un stazione di decompressione sottostante. Potresti imparare a immergerti a modo suo, ma non c'era nessun altro posto dove farlo.

Nel 1988, Rutkowski andò a New York e lanciò una seconda agenzia di formazione in collaborazione con Ed Betts dell'Island Scuba Centers a Freeport. L'hanno chiamato American Nitrox Divers Inc (ANDI). Il numero di agenzie di formazione nitrox era appena raddoppiato. Anche il numero di punti vendita per allenamenti e ricariche Nitrox è appena raddoppiato. È stato un inizio. Ma non era abbastanza.

Nel 1990 Rutkowski vendette IAND a Tom Mount, che aveva molta esperienza nella gestione di agenzie di addestramento subacqueo, nella creazione di programmi e reti di istruttori e nella creazione di materiali di addestramento. Il suo lungo curriculum comprendeva immersioni in grotta, immersioni su relitti, immersioni in aria profonda, immersioni con gas misti e persino immersioni con rebreather a circuito chiuso.

Rutkowski rimase direttore, ma da quel momento in poi l'agenzia da lui fondata non sarebbe più stata una monotona. Mount aggiungerebbe una T per Technical all'acronimo e lo trasformerebbe in un intero branco di cavalli selvaggi...

Leggi Parlando tecnicamente

Copertina tecnicamente parlando

L'ultimo libro di Simon Pridmore è una serie di conferenze a tema sulla storia antica della subacquea tecnica: da dove viene, come si è sviluppata, come si è espansa in tutto il mondo, chi sono stati i promotori più importanti e come, nel decennio dal 1989 al 1999, gli sforzi di poche persone determinate hanno cambiato per sempre le immersioni subacquee. “Entro la fine del decennio, i subacquei giocavano in piscine molto più grandi di prima e con giocattoli molto più avanzati. Ma il percorso verso il progresso è stato tutt’altro che agevole”.

L'autore è stato per 30 anni ai vertici del settore della subacquea, lavorando come guida, divemaster, istruttore, formatore di istruttori e formatore di istruttori. Negli anni '1990 è stato il pioniere delle immersioni profonde con gas misti in Asia e il suo negozio Professional Sports Divers a Guam è stato il primo centro immersioni tecniche dedicato nel Pacifico occidentale.

Cronaca dell'ascesa della subacquea tecnica: Simon Pridmore
Simon Pridmore

Ha anche ricoperto il franchising regionale per IANTD, con operazioni di immersione tecnica nell'atollo di Bikini, Majuro, Palau, Kosrae e Truk Lagoon. Successivamente si è trasferito nel Regno Unito come licenziatario IANTD, oltre a lavorare per VR Technology.

Ora residente a Taiwan, Pridmore è uno degli scrittori più prolifici del mondo della subacquea. La sua opera comprende i cinque volumi Autorespiratore serie, guide per subacquei in viaggio, una biografia, un romanzo e libri di cucina per subacquei. Dai un'occhiata al suo lavoro sul suo sito web o iscriviti al suo Conversazione subacquea newsletter.

Tecnicamente parlando, copertina rigida, ISBN: 9798376029596, 298 pp, 15x23 cm, £ 19.99 (anche tascabile £ 14.99, Kindle £ 5.99)

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
James Brown
James Brown
1 anno fa

Sembra molto interessante

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x