Come un speleologo ha portato il record mondiale di profondità a 308 metri

Lo speleologo francese Frédéric Swierczynski ha stabilito un nuovo record mondiale di profondità di 308 m, dopo la sua discesa di sette ore nella sorgente Font Estramar nei Pirenei orientali francesi il 3 novembre - e dopo aver sperimentato una serie di strani sintomi causati da una profondità troppo rapida i cambiamenti.

Il precedente record ufficiale di 283 metri era stato stabilito dal tuffatore sudafricano Nuño Gomez a Boesmansgat nel 1996.

Frederic Swierczynski
Frederic Swierczynski

Swierczynski, ingegnere meccanico 50enne di Marsiglia, è istruttore di grotta, trimix e rebreather. Subacqueo dall'età di 12 anni, ha effettuato la sua prima immersione trimix in solitaria a 120 m quando aveva 18 anni e ha iniziato a utilizzare i rebreather a circuito chiuso nel 2000.

La sua carriera di speleologo è iniziata nella regione francese del Lot nel 1994 e ha continuato includendo discese degne di nota in siti come Port Miou e la grotta di Mescla nelle Alpi in Francia, il Lago Rosso in Croazia, Miljacka nei Balcani e Harasib in Namibia. Nel maggio 2019 ha stabilito il record mondiale di immersioni a 5,870 m di altitudine nel lago Ojos del Salado in Argentina. 

Il pittoresco ingresso al Font Estramar
Il pittoresco ingresso al Font Estramar

Font Estramar nasce ai piedi di una piccola scogliera sul bordo di un altopiano calcareo di 200 m di altitudine, defluendo nel sistema idrografico carsico delle Corbières sud-orientali. L'acqua salmastra ha una temperatura costante di 17.8°C. 

Il sistema è stato esplorato da subacquei, tra cui Jacques Cousteau, fin dal 1949. Negli ultimi dieci anni le scoperte principali sono state fatte dal subacqueo francese Xavier Méniscus, che nel 2019 aveva raggiunto una profondità di 286 m, a 1,020 m dall'ingresso.

Jacques Cousteau è stato tra i subacquei ad aver esplorato la sorgente (Piovano)
Jacques Cousteau è stato tra i subacquei ad aver esplorato la sorgente (Piovano)

Almeno otto subacquei sono morti esplorando il sistema, l'ultimo questo luglio, ma Swierczynski, parlando dopo l'immersione con Francis Le Guen, che nel 1981 aveva esplorato il condotto principale fino a 58 metri, lo descrive come “un labirinto labirintico, certamente, e profonde, ma non più pericolose di tante grotte sommerse meno conosciute, e quindi meno frequentate”. 

Mappa di Font Estramar
Mappa di Font Estramar

Attrezzato per un record

Per la sua discesa di novembre Swierczynski ha indossato una muta stagna Ursuit sopra la biancheria intima riscaldata Santi alimentata dalle batterie dei suoi due Seacraft Ghost DPV da 300 metri, progettati per più di 10 ore di funzionamento.

Normalmente questi sarebbero stati gestiti in tandem, ma Swierczynski ne teneva uno come riserva fissato dietro di sé per lasciare una mano libera.

Swierczynski in Font Estramar (Laurent Miroult)
Swierczynski in Font Estramar (Laurent Miroult)

Indossando un'imbracatura XDeep, ha utilizzato due rebreather Czechia montati lateralmente, respirando sull'unità alla sua sinistra ma testando regolarmente il backup alla sua destra. Il loro CO2 i filtri consentirebbero ciascuno una durata di nove ore. 

Swierczynski aveva abbandonato l'idea di utilizzare un regolare salvataggio a circuito aperto perché i serbatoi di gas necessari sarebbero stati troppo pesanti da trasportare e l'erogatore non avrebbe funzionato correttamente in profondità a causa delle elevate portate richieste.

Stava respirando trimix 4/89 (ossigeno, elio, azoto), che secondo lui trovava "più confortevole" dell'eliox. Sperava anche che gli effetti narcotici dell’azoto avrebbero limitato la SNHP (sindrome nervosa da alta pressione), anche se questo si sarebbe comunque rivelato un problema.

In tutto trasportava sei bombole: ciascuna CCR includeva due bombole da 2 litri di ossigeno puro e diluente, a cui Swierczynski aggiungeva una bombola da 2 litri di aria compressa a 374 bar per il gonfiaggio della tuta e un'altra di diluente 4/89 fuori bordo . I CCR avevano filtri Sofnolime da 3 kg, aggiornati a causa della profondità per ridurre il rischio di CO2 avvelenamento.

"La discesa è così rapida che respiro direttamente la 4/89 che inietto", ha detto Swierczynski. “Il riciclatore funziona quindi come un regolatore: il gas non ha realmente il tempo di circolare nel circuito.” Controllava manualmente e costantemente la pressione parziale dell'ossigeno, scegliendo di immergersi con una O molto bassa2 livello (meno di 1.6) anche durante le soste di decompressione.

Due computer cechi con algoritmi Buhlmann modificati supportavano ciascun CCR. Per ridurre i tempi di decompressione, ha adottato un fattore di gradiente di 80/80 invece del solito 50/80.

Swierczynski ha utilizzato anche una console di navigazione ENC 3 per registrare la sua posizione, abbinata a una piccola elica per consentire la registrazione dello spostamento.

Le batterie DPV alimentavano le sue due luci principali Callisto da 50,000 lumen, progettate e realizzate dallo stesso Swierczynski e montate sulla parte anteriore dello scooter. Portava anche una luce per elmetto Phaeton con autonomia di 10 ore a 20 W per illuminare le sue mani mentre posava la corda, con una luce Tillytec con autonomia di 2 ore sul braccio. Sul suo casco è stata montata anche una custodia per telecamera Isotta.

"Il mio obiettivo è essere il più leggero possibile, il più idrodinamico... per poter progredire sott'acqua rapidamente e senza fatica eccessiva e inutile", ha affermato Swierczynski. A tal fine non ha utilizzato manometri perché affermava di essere "così affinato con le conoscenze acquisite durante le mie immersioni di addestramento e sviluppo. So esattamente cosa sto consumando”.

Con il suo metabolismo “estremamente basso” consumerebbe solo 850 litri di diluente trimix 4/89 e 486 litri di ossigeno puro in un'immersione di sette ore.

Preparato per l'immersione

Swierczynski ha trascorso mesi ad allenarsi per il tentativo attraverso corse di resistenza in una varietà di ambienti e tuffi profondi sotto i 260 metri.

"Font Estramar assomiglia a un complesso labirinto di corridoi e vicoli ciechi, dove perdersi non è un'opzione", ha detto. Ha acquisito familiarità con la topografia subacquea, inclusa la navigazione in una galleria allagata che si estende per oltre 1 km, ha perfezionato la sua curva di decompressione e ha praticato la preparazione e la regolazione dell'attrezzatura. 

L'immersione vera e propria è iniziata a una profondità di 60 metri e dopo 10 minuti ha incontrato il membro della squadra Patrice Cabanel, che era andato avanti per girare un video. Sono scesi insieme fino a 190 metri, accelerando – “forse troppo velocemente” – prima che Swierczynski segnalasse a Cabanel di fermarsi.

I sommozzatori francesi scendono a Font Estramar (Laurent Miroult)
Discesa a Font Estramar (Laurent Miroult)

“Mentre continuo la discesa, le formazioni rocciose diventano più leggere, indicando uno spostamento degli strati geologici – è come se stessi viaggiando indietro nel tempo”, ha osservato Swierczynski. Durante l'allenamento aveva già visitato più volte la sezione orizzontale del tunnel a una profondità di 250-260 m, ma è stato a questo punto che ha avvertito un insolito sintomo di HPNS.

"Mi alzo e all'improvviso provo un disagio sconosciuto: una sensazione abbagliante", ha detto. “Il pavimento della galleria orizzontale sommersa appare nuovamente allagato; è come un mare illuminato, scintillante di riflessi. Vado avanti come in un sogno, sentendomi disorientato”. 

Oltre la fine della linea guida si trova “un abisso nero”. Ha impostato il suo DPV a bassa velocità, ha svolto la lenza in modo costante e si è concentrato sul mantenimento dell'assetto perfetto per ridurre al minimo lo sforzo prima di scivolare in una "camera sempre più ampia" dove la visibilità si estendeva oltre i 25 m.

Si voltò quando il suo computer lo avvertì che aveva accumulato 400 minuti di decompressione. “È difficile liberarsi dal fascino delle profondità inesplorate”, ha detto. “Non c’era alcuna angoscia; sono stati i vincoli del tempo di decompressione che mi hanno costretto a tornare indietro. 

Nel punto più profondo
Swierczynski raggiunge il suo punto più profondo

L'ascesa

Dopo aver assicurato il suo mulinello al punto finale, Swierczynski è ripartito ma, come si è reso conto in seguito, si stava muovendo “troppo velocemente”. Aveva avvertito fastidio agli occhi, che si schiarirono, ma dopo circa 16 minuti notò che le sue mani tremavano, un altro sintomo dell'HPNS.

Ha raggiunto la prima fase di decompressione a 130 metri in anticipo, dopo 28 minuti. Alla sosta dei 90 metri è stato raggiunto dal subacqueo di supporto profondo Bruno Gaidan, che sarebbe rimasto con lui per quattro ore. Solo ora Swierczynski si rese conto di quanto fosse andato in profondità.  

I subacquei di supporto Bruno Gaidan e Patrice Cabanel attraversano
I subacquei di supporto Bruno Gaidan e Patrice Cabanel attraversano

Quaranta minuti dopo e al livello di 80 metri improvvisamente trovò estremamente difficile respirare. Controllò il suo CCR e stabilì che la tossicità del gas non era la causa, così provò la "respirazione addominale" che aveva praticato durante l'allenamento, descrivendo l'effetto come "come sorseggiare con una cannuccia".

Inoltre avvertiva un forte dolore alla schiena e la sensazione "come se la mia tuta venisse schiacciata, la piastra metallica della mia imbracatura pesasse tonnellate". Questa sensazione è durata più di un'ora e solo quando ha raggiunto i 30 metri è riuscito a respirare di nuovo normalmente. 

Questa esperienza fu successivamente attribuita a un "massiccio degassamento di elio" derivante dalla salita troppo rapida, causando sintomi di apparente lesione del midollo spinale e dei reni. Ha ammesso di aver permesso che i suoi calcoli e le sue procedure personali prevalessero sugli avvertimenti dei suoi computer, e che avrebbe dovuto rallentare prima della prima sosta significativa di decompressione.

A due ore dall'inizio del tuffo, Swierczynski è stato raggiunto da Franck Gentili durante la sua sosta di 50 metri. Dopo 3 ore e 20 minuti si stava avvicinando al fondo del pozzo di uscita, con la luce del giorno visibile, ma alla sosta di 12 metri ha sperimentato l'illusione correlata alla decompressione di aver perso completamente il controllo della vescica.

La zona di sosta finale a 6m (Laurent Miroult)
La zona di sosta finale a circa 6 m (Laurent Miroult)
Profondità nel grafico temporale
Profondità nel grafico temporale
Grafico della velocità nel tempo
Grafico della velocità nel tempo

Una campana decorativa fatta in casa installata a 9 metri gli avrebbe permesso di sedersi con le gambe nell'acqua, anche se ha scelto di rimanere in posizione orizzontale, osservando i pesci. C'è stata un'ultima sosta di 6 metri tra i canneti prima che emergesse in superficie, un minuto in meno di sette ore. 

"Provo un senso di orgoglio in questi momenti di pura bellezza, nel rivendicare poche decine di metri dall'ignoto e nel poter raccontare questa storia", ha detto Swierczynski, che stava già programmando la sua prossima immersione nel pozzo terminale della grotta della Mescla, nella regione francese del Var.

Foto allegata “la squadra”. Da sinistra a destra: Ugo Tonolini, Bruno Gaidan, Yvan Dricot, Michel Ruiz, Frédéric Swierczynski, Franck Gentili, Christian Deit. Fuori campo: Christophe Imbernon, Patrice Cabanel.
La squadra, da sinistra: Ugo Tonolini, Bruno Gaidan, Yvan Dricot, Michel Ruiz, Frédéric Swierczynski, Franck Gentili, Christian Deit. Christophe Imbernon e Patrice Cabanel sono fuori campo.

Anche su Divernet: La subacquea più profonda ha appena aggiunto 10 metri, Immersioni nell'Everest a Pozo Azul, Il team di immersioni scandaglia la grotta sottomarina più profonda del mondo, I subacquei rivendicano il più grande sistema di grotte del mondo in Messico

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Miro
Miro
4 mesi fa

Fantastico. Ti meriti il ​​nome nella lista DEEP POOL by MJTM dei migliori subacquei al mondo.
Miro Krsmanovic

SEGUICI SU

1
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x