La scoperta dell'HMS Terror potrebbe risolvere il mistero artico di 170 anni

Notizie sulle immersioni

Gli archeologi subacquei ritengono di aver trovato i resti ben conservati dell'HMS Terror al largo del Nunavut, nell'Artico canadese.

Nel 1846 la nave scomparve, insieme all'ammiraglia HMS Erebus di Sir John Franklin, durante una spedizione della Royal Navy per tracciare il passaggio a nord-ovest che collegava l'Atlantico al Pacifico.

Il relitto è stato ritrovato il 3 settembre durante una spedizione di nove giorni organizzata dal team di archeologia subacquea di Parks Canada. Erano presenti la nave da ricerca Martin Bergmann della Arctic Research Foundation, il rompighiaccio della Guardia costiera canadese Sir Wilfrid Laurier e l'HMCS Shawinigan della Marina.

La Martin Bergmann aveva dirottato verso una località vicino all'isola di King William, chiamata per coincidenza Terror Bay, dopo che il membro dell'equipaggio Inuit Sammy Kogvik aveva menzionato di aver visto una volta una punta d'albero sporgere dall'acqua lì. Un'indagine sonar a scansione laterale ha indicato un naufragio a 24 metri di profondità nella posizione fornita.

Un ROV gestito dalla Marina canadese è stato quindi inviato e catturato video immagini di una nave che corrispondeva alla descrizione della HMS Terror.

Capitanata da Francis Crozier, la Terror era una nave a tre alberi di 31 metri. Come l'Erebus, trovato a 11 metri dalla stessa squadra due anni fa, aveva travi rinforzate con metalli per sostenere i suoi armamenti di mortaio, e quindi era ritenuto abbastanza robusto per l'esplorazione artica.

Il relitto si trova perfettamente in posizione verticale, suggerendo una dolce discesa verso il fondo del mare. Sul. si poteva vedere il camino di una locomotiva video - e la Terror era stata dotata di una locomotiva per fornire assistenza elettrica alla sua elica.

Leggi anche: All'interno della HMS Terror 170 anni dopo ed 275 reperti recuperati dal naufragio della Erebus

Erano visibili anche dettagli come la campana della nave, il timone a doppia ruota, un argano completo di fune, un portello che conduce alla mensa con un tavolo su un lato, un tubo di scappamento del motore a vapore, la placcatura di metallo sulla prua e le quattro finestre a poppa attraverso le quali si poteva vedere l'alloggio del capitano.

La perdita delle due navi della Royal Navy è considerata la peggiore tragedia nella storia dell’esplorazione artica. Per molto tempo si è ipotizzato che, dopo che le navi furono intrappolate dal ghiaccio, i sopravvissuti dell'equipaggio di 129 uomini della spedizione morirono mentre cercavano di dirigersi verso sud a piedi. Una ricerca durata 11 anni dopo la scomparsa delle navi non è riuscita a fornire alcuna risposta.

Il relitto dell'HMS Terror si trova a più di 30 miglia da dove è stato ritrovato l'Erebus e 60 miglia a sud di dove si pensava fosse stato schiacciato dal ghiaccio. La posizione e le buone condizioni del relitto suggeriscono che alcuni membri dell'equipaggio potrebbero essere tornati a nord nel tentativo infruttuoso di far navigare la Terror in acque meno ghiacciate.

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x