Immergiti come un professionista: implementazione di un DSMB

Coppia di amici che distribuisce un DSMB
Coppia di amici che distribuisce un DSMB

La boa segnaletica ritardata di superficie è un prezioso accessorio per il subacqueo: qui gli esperti del settore valutano la scelta migliore per te e le varie modalità di utilizzo, tenendo conto, ovviamente, delle spinose problema di bobine e bobine

Leggi anche: Immergiti come un professionista: immersioni in motoscafo

Le boe segnaletiche di superficie ritardate sono tra i pezzi più essenziali del kit di sicurezza subacquea che si possono trovare nell'arsenale di un subacqueo. La capacità di notificare la superficie della tua posizione quando sei ancora in profondità sott'acqua è fondamentale, quindi tutti i subacquei dovrebbero portare con sé - e sapere come utilizzare - un DSMB. Qualunque tipo tu scelga, assicurati di portarlo con te in ogni immersione.

Competenze chiave

Mark Powell, TDI/SDI Responsabile dello sviluppo aziendale: “La capacità di inviare un DSMB è una delle competenze chiave per qualsiasi subacqueo. Esistono numerosi stili, ciascuno con i propri punti di forza e di debolezza. La tradizionale boa segnaletica con un'apertura sul fondo che viene gonfiata spurgando il regolatore o il gas espirato è ancora molto comune e la semplicità del design ha molti sostenitori. Tuttavia, ci sono una serie di alternative.

“La più comune è una boa a cui è attaccata una piccola bombola di gas. Il cilindro viene utilizzato per gonfiare la boa, il che ha lo scopo di semplificare il processo complessivo. Il subacqueo semplicemente "rompe" la bottiglia e la boa si gonfia. In questo modo si risparmia la fatica di doverlo riempire manualmente. e quando funziona correttamente è decisamente più semplice. 

"Tra subacquei con rebreather questi sono molto popolari, perché riempire un DSMB convenzionale a tempo indeterminato è molto più complicato per loro. Non c'è gas espirato per riempire il cilindro e le dimensioni più piccole dei cilindri del diluente facilitano lo spurgo regolatore per riempire il DSMB una soluzione molto meno attraente. 

“Tuttavia, molti subacquei sono dell’opinione che se fai fatica a riempire un DSMB senza una bottiglia di crack, sarebbe meglio esercitarsi un po’ di più nella tua tecnica. È anche divertente osservare i subacquei che cercano di riempire un DSMB alla fine di un'immersione dopo essersi resi conto di aver dimenticato di riempire la bottiglia di crack.

"C'è anche un sicurezza in immersione preoccupazione per queste bottiglie. Raramente vengono testate allo stesso modo delle bombole normali, perché vengono riempite da un'altra bombola, quindi non esiste un negozio di immersione che imponga i test. Tuttavia, sono spesso molto corrosi, perché all'interno si contamina l'acqua.

“Se consideriamo il fatto che molti subacquei spurgano il connettore colpendolo con un pezzo di piombo, si vede che bisogna fare attenzione con loro.

Gonfiatore a bassa pressione

“Un'altra opzione è quella di avere un dispositivo di gonfiaggio a bassa pressione sul DSMB, simile al dispositivo di gonfiaggio del tuo muta stagna or ala. Per utilizzare questo sistema, il subacqueo disconnette il proprio muta stagna gonfiatore e lo utilizza per gonfiare il DSMB.

“All’inizio la maggior parte dei subacquei è diffidente nei confronti di questa idea perché pensa che ci sia il rischio che il dispositivo di gonfiaggio si incastri nel DSMB e li trascini in superficie. In realtà questo non è un problema perché il gonfiatore, a differenza di quello della tuta, non ha scanalature di bloccaggio e quindi il DSMB si sgancia semplicemente quando è pieno.

“Come molte cose, è una questione di pratica. Dopo alcuni tentativi pratici, l'intero processo è molto semplice. Questo stile di DSMB è l'ideale per subacquei con rebreather perché non comporta la rimozione o l'eliminazione di a regolatore o l’uso del gas espirato”.

Visibilità sott'acqua
Visibilità ottimale

“Quando si tratta di DSMB, le dimensioni contano davvero. Quelli più piccoli vanno bene per la pratica o come riserva, ma per lunghe soste di decompressione in mare aperto, a capitano della barca non apprezzerà il fatto di dover tenere d'occhio uno di questi piccoli DSMB. Uno più grande sarà molto più facile da individuare e tenere d'occhio per uno skipper.

“Oltre al DSMB, ci sono diverse opzioni per la bobina. La scelta principale è tra un mulinello e una bobina. Una bobina è semplicemente un tamburo di acciaio o plastica su cui può essere avvolto il filo. Si sono evoluti dalle immersioni in ambienti sopra la testa, come le immersioni in grotta o la penetrazione nei relitti, dove vengono utilizzati per "saltare" da una linea guida all'altra o in caso di perdita della linea guida. 

“In quanto tali sono molto più semplici di una bobina. Non c'è maniglia, telaio o cricchetto e quindi sono anche molto più piccoli. Questo è un vantaggio perché non occupano molto spazio e possono essere riposti in tasca.

“Le bobine, d’altro canto, tendono ad essere considerevolmente più grandi. Ce ne sono alcuni che sono progettati per essere più compatti e possono stare in una tasca, ma molti sono troppo grandi, soprattutto se porti con te anche un mulinello di riserva.

“Le altre differenze tra i diversi tipi di mulinelli e bobine sono la lunghezza del filo che contengono. Ciò è particolarmente rilevante per subacquei più profondi, perché se il mulinello o la bobina contengono meno filo della profondità alla quale ci si sta immergendo, sarà impossibile risalire dal fondo.

Utilizzo di bobine e bobine

“Le tecniche per utilizzare mulinelli e bobine sono piuttosto diverse e, laddove la tecnica differisce, ci saranno inevitabilmente divergenze di opinione su quale sia la migliore. I sostenitori dei mulinelli affermano che le bobine sono poco pratiche, difficili da usare, soggette a errori e suscettibili di causare problemi. D'altra parte, i sostenitori delle bobine sostengono che le bobine sono poco pratiche, difficili da usare, soggette a errori e suscettibili di causare problemi! 

“Gran parte di questo disaccordo deriva dalla familiarità con un approccio e dalla reazione tipicamente umana al cambiamento. Se hai passato anni ad usare un mulinello e hai perfezionato la tecnica, allora prova ad usare una bobina is causerà problemi. La tecnica a cui sei abituato non è più applicabile, riscontri problemi mai avuti prima e fai fatica a eseguire quella che altrimenti sarebbe stata un'operazione facile con la tua attrezzatura familiare.

“Quindi non c’è da meravigliarsi che gli utilizzatori di bobine di lunga data quando usano una bobina per la prima volta avranno difficoltà e molti semplicemente si arrenderanno e torneranno a ciò che sapevano. 

“Può verificarsi anche la situazione inversa, anche se è meno comune. Subacquei più profondi prima impara a usare un mulinello e poi ti imbatti nell'idea di una bobina. Tuttavia, ci sono subacquei che utilizzano principalmente una bobina e hanno poca o nessuna esperienza con i mulinelli. Per loro, provare a utilizzare un mulinello si traduce nella stessa situazione, non lo conoscono, non conoscono la tecnica giusta e rischiano di commettere errori.

“Se hanno una scarsa tecnica con il mulinello, è probabile che preferiscano tornare a utilizzare la bobina più familiare. È un peccato che ci sia questa divisione tra bobine e bobine, perché ognuna ha i suoi vantaggi.

“La mia preferenza è quella di utilizzare un mulinello affidabile con 65 m di filo e un DSMB grande come principale, quindi utilizzare una bobina con 30 m di filo e un DSMB più piccolo come riserva. La semplicità e l'affidabilità del mio mulinello principale eliminano una potenziale fonte di stress durante la risalita e le dimensioni del DSMB facilitano il skipper per tenermi d'occhio.

“Quindi la compattezza e la semplicità della bobina sono ideali per un backup, e il piccolo DSMB è già attaccato alla bobina e può essere spedito rapidamente se necessario. Questa è una configurazione ideale per me e sta diventando sempre più comune. 

Pratica delle PMI
Pratica delle PMI

“Tuttavia, è interessante vedere quante persone adottano questo approccio ma non si sono mai esercitate a inviare il DSMB di backup utilizzando lo spool. Il momento peggiore per esercitarsi con la tecnica corretta è subito dopo che la bobina principale si è inceppata ed è balzata in superficie.

“Quindi il mio consiglio sarebbe che se hai una bobina di riserva, usala occasionalmente al posto di quella primaria in modo che quando avrai bisogno di usarla davvero, avrai familiarità con la bobina come con il tuo mulinello.

“Qualunque sia il metodo che scegli di utilizzare, vale la pena provarne altri. Se devi inviare il DSMB al tuo amico, vale la pena sapere come funziona il suo stile, come viene gonfiato l'SMB e come funziona il mulinello o la bobina.

“Inoltre, è importante essere in grado di esercitarsi a risalire il DSMB in posizione neutrale e a mezz’acqua. Se si verifica un problema con la tua SMB principale, potrebbe essere necessario inviarne una durante l'ascesa e, se sai, puoi farlo facilmente mantenendo la tua galleggiabilità, ridurrà significativamente lo stress della situazione.

“Oltre al DSMB primario e a quello di riserva, alcuni subacquei tecnici portano con sé anche un terzo DSMB di emergenza. Mentre il DSMB primario e quello di riserva sono arancioni, il DSMB di emergenza è giallo. Viene utilizzato per indicare che c'è un problema o che i subacquei potrebbero aver bisogno di più gas.

“L’uso di un DSMB giallo come segnale di emergenza sta diventando sempre più comune, con alcuni siti nell’entroterra che trattano qualsiasi DSMB giallo come segnale di emergenza. 

Il British Diving Safety Group (BDSG) raccomanda ai subacquei ricreativi di utilizzare un DSMB arancione piuttosto che uno giallo per evitare confusione. Il DSMB giallo di emergenza viene solitamente semplicemente agganciato alla stessa linea del DSMB principale già utilizzato, gonfiato e risalito. stessa linea. In questo caso, lo skipper vedrà una normale macchia arancione oltre alla macchia gialla sulla stessa linea.

“È anche comune attaccare una lavagna o un taccuino impermeabile sulla parte superiore del DSMB per dire allo skipper qual è il problema. Un DSMB giallo è utile solo se hai concordato il protocollo con lo skipper e hai a disposizione gas adatto, attrezzato pronto per essere consegnato a un subacqueo. Non dovrebbe essere considerata come una carta "esci gratis di prigione".

Mantenere la sicurezza

Dopo l'immersione
Dopo l'immersione

Garry Dallas, direttore di Training per RAID Regno Unito e Malta: “Quanti di voi guiderebbero la propria auto per una distanza epica senza una ruota di scorta a bordo? Anche se avessi quella ruota di scorta, sapresti come montarla?

“Che tu li chiami blob, marker, tubi, SMB o DSMB, sono strumenti che ti forniscono l’elemento di sicurezza, non solo sott’acqua ma anche sopra. Esistono molti usi per questi strumenti e ogni singolo subacqueo dovrebbe possederne e sapere come usarne uno, senza dubbio.

“Quindi potresti pensare che ci sia una buona ragione per non averne bisogno, perché il mio migliore amico con cui mi immergo sempre ne ha uno... e questa è esattamente la mentalità che potrebbe metterti in difficoltà se ti separi. I tempi sono cambiati ed è ora di pensare a essere più sicuri e godersi ogni immersione. Su ogni RAID formazione immersione pratichiamo l'implementazione.

“Sì, i DSMB sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, ma scegli quello più adatto al tuo ambiente: arancione/nero, arancione e nero, rosa (per quelli molto utilizzati) o giallo solo per le emergenze. 

“Esistono anche vari metodi per gonfiarli – orale, attacco di gonfiaggio a bassa pressione, apertura, bottiglia di crack o bomboletta usa e getta – e questi possono essere utilizzati per garantire che siano belli ed eretti sulla superficie. Ognuno a modo suo, ma ci sono sempre pro e contro per ognuno, quindi chiedi consiglio a un esperto prima di acquistarne uno.

“Come speleo-sub, la mia preferenza va alle bobine. Sono semplici da usare e danno un maggiore controllo della lenza. Le bobine di acqua fredda, con fori per le dita più grandi, sono le migliori a tutto tondo (haha) per ogni ambiente.

“I mulinelli dovrebbero essere compatti e robusti. I cricchetti in plastica economici si rompono e si rompono: sicuramente non è la situazione ideale in cui trovarsi mentre si rilascia il DSMB. Poiché il filo intrecciato si allunga durante l'uso, anche l'avvolgimento eccessivo del filo è un problema comune.

“Quindi immergi la lenza nell'acqua e svolgi l'intera lunghezza attorno a un paio di pali. Quindi controlla che l'estremità del filo sia fissata attorno al perno e riavvolgila saldamente e in modo uniforme attraverso il perno. La rifinitura dell'estremità libera è un requisito per un uso specifico, ma in genere è preferibile un anello con apertura ampia.

“Ancora una volta, ognuno con la propria bobina o bobina. Non importa quale tipo scegli, padroneggiarlo nell'utilizzo è di fondamentale importanza. Ecco un link video utile per la distribuzione di un DSMB.

Addestramento alla sopravvivenza in mare

Insegnare la corretta implementazione di un DSMB
Insegnare la corretta implementazione di un DSMB

Emily Petley-Jones, Regionale PADI Training Consulente: “DSMB e mulinelli sono pezzi essenziali del kit per le immersioni, in particolare in mari più mossi e se ci si immerge da una barca. Per la tua boa segnaletica, le dimensioni contano davvero.

“La domanda che dovresti sempre farti è: ‘Quale sarà il più visibile?’. Se sei un subacqueo del Regno Unito, potresti prendere in considerazione l'idea di frequentare il RNLI Diver Sea Survival corso, che è disponibile come specialità PADI. Questo contiene alcune informazioni estremamente utili e porta a casa il messaggio sull'importanza di rimanere visibili in superficie.

“Dovresti sempre controllare il tuo DSMB e il mulinello prima di ogni immersione, anche se non hai intenzione di usarlo. Dovresti assicurarti che il filo sul mulinello esca senza intoppi e non si impigli.

"Un buon modo per sistemare correttamente il mulinello è srotolarlo, quindi fissare l'estremità del filo a qualcosa di robusto e mantenere la tensione sul filo mentre lo riavvolgi. Dovresti anche assicurarti che il filo sia abbastanza lungo per il profondità dell'immersione.

"Montare un DSMB richiede pratica, quindi se hai un nuovo DSMB e un nuovo mulinello portalo in piscina o in acque poco profonde per assicurarti di padroneggiare la tua tecnica e non finire per armeggiare con esso a 20 metri, idealmente indossando gli stessi guanti che potresti utilizzare durante l'immersione.

“Non dimenticare, ci sono anche corsi che ti aiuteranno ad apprendere questa abilità, come la specialità PADI Delayed Surface Marker Buoy.”

Jason Sockett, consulente di gestione della qualità PADI: “Credo che i DSMB e i mulinelli siano tra i pezzi di kit più sottovalutati da acquistare, soprattutto per i subacquei all'inizio delle loro avventure subacquee, ma è importante ottenere il tipo corretto per l'immersione che stai facendo.

“Non mi immergo mai senza DSMB e mulinello. È rassicurante sapere che durante la mia risalita, soprattutto durante un’immersione in corrente quando ci sono altre barche nella zona o quando le condizioni sono tutt’altro che perfette, il/i capitano/i della barca può vedere dove mi trovo.

“Se ho un consiglio da offrire sull’utilizzo di DSMB e reel, è questo: pratica, pratica e pratica. Cerca di arrivare alla fase in cui puoi implementare il tuo DSMB quasi senza pensarci – e soprattutto senza alcuno galleggiabilità problemi."

BDSG raccomandazioni

I subacquei che utilizzano boe segnaletiche di superficie dovrebbero etichettarle chiaramente con il nome completo dei loro proprietari. Evita i soprannomi perché potrebbero non essere conosciuti dal maresciallo. 

Se si utilizza il DSMB per la decompressione, la boa deve essere chiaramente contrassegnata con le parole "Decompressione" oltre al nome del subacqueo.

Per evitare confusione, il colore di un singolo DSMB dovrebbe essere arancione o rosso, ma non giallo. Quando si trasportano due DSMB in immersione, il consenso generale europeo è che in normali condizioni di immersione venga utilizzata una boa arancione o rossa. In caso di emergenza, o quando è necessaria assistenza, dovrebbe essere utilizzata una boa gialla. Quando si utilizza una boa gialla, contrassegnare chiaramente sulla boa la parola "Emergenza" insieme al nome del subacqueo.

Una volta vista la boa gialla, la squadra di supporto e/o la barca possono avviare i protocolli di emergenza standard a seconda della situazione.

Anche su Divernet: Quale attrezzatura di sicurezza trasportare, Acquistare la propria attrezzaturaAttrezzatura da imballaggio per un viaggio subacqueoCosa controllare prima dell'immersioneImmersioni notturneSviluppare le competenze fondamentaliImmersioni in acque fredde, Prendersi cura dell'attrezzatura subacqueaChiamare un'immersione

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dal R
Dal R
1 anno fa

Bell'articolo ma come cox'n e istruttore subacqueo preferisco usare un DSMB giallo quando piove, di notte o quando è nuvoloso e nuvoloso perché sono più facili da individuare e seguire.

Ed Willey
Ed Willey
Rispondi a  Dal R
1 anno fa

La comunità subacquea sta cercando di stabilire un protocollo standard per le emergenze. Inventarsi le proprie idee non aiuta. Usa il giallo per le emergenze.

SEGUICI SU

2
0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x