Dive & Dig: “Altri segreti da svelare”

Dive & Dig: Lucy Blue e Stella Demesticha a Dreamer's Bay, Cipro (Steven Lopez)
Lucy Blue e Stella Demesticha a Dreamer's Bay, Cipro (Steven Lopez)

L'archeologa marittima Lucy Blue parla con lei Divernet sulla nuova serie del Immergiti e scava podcast, in cui lei e la storica Bettany Hughes incontrano le persone che esplorano alcuni dei siti di immersione più antichi e intriganti del mondo 

Consigliata a tutti i subacquei interessati all'archeologia subacquea è la seconda serie del podcast Immergiti e scava. I cinque episodi sono presentati dall'archeologa marittima Dott.ssa Lucy Blue e dalla storica, conduttrice televisiva e autrice Prof. Bettany Hughes. 

Dedicata all'archeologia marittima sottomarina tra l'età della pietra e il periodo romano, la serie è prodotta dalla Honor Frost Foundation (HFF), un ente di beneficenza che promuove e finanzia la ricerca archeologica marittima, e dalla società di produzione di Hughes Sandstone Global. I primi due episodi sono già disponibili e il terzo uscirà domani (29 ottobre)

Hughes e Blue esplorano i siti chiave del Mediterraneo e del Mar Rosso intervistando gli archeologi e altri che lavorano lì e discutendo di come le persone del passato interagivano con il mare. 

La dottoressa Lucy Blu
L'archeologa marittima Lucy Blue
Bettany Hughes nella Baia di Baia – ora le manca solo la qualifica di subacquea
Bettany Hughes: ora aggiungi solo le immersioni subacquee

Hughes was seen freediving at the sunken Italian city of Baia in a recent episode of her TV series Da Parigi a Roma con Bettany Hughes, and Baia also features in the new podcast. She is now formazione as a scuba diver, in the hope of spending more time at some of those archaeological sites herself in future. 

"Sarebbe fantastico e potremmo andare a immergerci insieme!" ha detto il subacqueo esperto Blue Divernet. Lei e Hughes si erano incontrati solo quando avevano unito le forze per realizzare il primo podcast nel 2021. 

In che modo quell’esperienza ha influenzato la nuova serie? "Sia il team dell'HFF che quello di Sandstone hanno discusso il contenuto del primo episodio e hanno deciso che un approccio alternativo basato sul sito sarebbe stato positivo per la seconda serie, concentrandosi sul mondo antico", ha affermato Blue. “Pensiamo – o speriamo – che questo abbia funzionato bene”.

Rilievo a Wadi el Jarf su Dive & Dig
Rilievo a Wadi el Jarf (Dipartimento Centrale delle Antichità Sottomarine)

Episodi di Immersione e scavo

Episodio 1, Costruttori delle piramidi, visita il sito del porto marittimo artificiale più antico conosciuto al mondo a Wadi El Jarf sul Golfo di Suez in Egitto, dove 30 grotte ospitano scoperte tra cui barche di legno ben conservate, attrezzature, circa 100 ancore iscritte e i papiri più antichi conosciuti al mondo - relativi alla costruzione delle Grandi Piramidi. 

Ep.2: Scelte da asporto degli antichi greci – Naufragi ci porta a Cipro e a due siti di relitti del IV secolo a.C. a Mazotos e Kyrenia, completi di centinaia di anfore vinarie, noccioli di ulivo e resti di scafi in legno.

La ricostruzione del relitto di Kyrenia
Replica del relitto di Kyrenia (Glafkos Kyrenia Liberty Photographs)

Ep.3: Sunken Sin City – Baia, Italia (29 ottobre) ammira le viste sottomarine del Golfo di Napoli, dove la "Las Vegas" dell'antica Roma è ora un parco archeologico marino con statue, ville e mosaici da esplorare per sub e snorkeling (vedi anche Sulla Costiera Cilentana on Divernet).

Baia (Michele Stefanile)
Veduta aerea di Baia (Michele Stefanile)
Subacqueo nel sito di Baia Romana
Tuffatore con mosaico nel sito di Baia Romana (Ministero dei Beni Culturali)

Ep.4: Il porto della vita di Istanbul (5 novembre) riflette uno degli scavi più grandi del mondo a Yenikapi in Turchia, che copre più di 58,000 metri quadrati di un porto artificiale del IV secolo che comprende almeno 4 relitti di navi bizantine ben conservate sopra un villaggio neolitico. I reperti spaziano dagli scheletri di cammello alle ciliegie e a una foglia ancora verde dopo 37 anni!

Ep.5: 8,000 anni sotto i mari (12 novembre) si riferisce a un sito neolitico sommerso ad Agios Petros in Grecia completo di arte rupestre, lische di tonno e ami da pesca – ma le persone erano pescatori di acque profonde o agricoltori?

Subacquei ad Agios Petros (Progetto Agios Petros)
Subacquei ad Agios Petros (Progetto Agios Petros)

"Mi è davvero piaciuto intervistare Glafkos Cariolou e avere uno spaccato del suo lungo e personale viaggio con il naufragio di Kyrenia", ha detto Blue dello skipper e restauratore della replica della barca, quando le è stato chiesto dei suoi momenti salienti della serie.

“La scorsa settimana nel Museo di Ayia Napa ho guardato le riprese degli scavi originali, ed è stato sorprendente vedere la squadra al lavoro tanti decenni fa: un vero e proprio scavo nella storia, non solo del naufragio ma anche degli approcci all’archeologia marittima.

"Anche io amore il sito di Wadi el Jarf. Avendo lavorato per molti anni sulla costa egiziana del Mar Rosso e non sapendo nemmeno che questo incredibile sito esistesse, è sorprendente pensare che abbia fornito una visione così dettagliata della navigazione e del commercio antichi, fino al fatto che le ancore fossero associate a equipaggi particolari, oltre 4,500 anni fa.

"Ho pensato che anche la descrizione di Yenikapi fatta da Michael Jones fosse avvincente - e mi è piaciuto sentire la descrizione di Stella Demesticha della prima volta che ha visto il naufragio di Mazotos... davvero evocativa."

Bettany Hughes con i reperti di Yenakapi (Sandstone Global)
Bettany Hughes nel laboratorio di conservazione di Yenikapi (Sandstone Global)

Sfide subacquee

Qual è il sito più impegnativo dal punto di vista delle immersioni subacquee? “Mazotos, perché è così profondo (circa 45 m), ma anche Wadi el Jarf – per il motivo opposto. Il sito è così superficiale, il che rende difficile lavorare e documentarsi, soprattutto fare fotografia, molto impegnativo.

“Inoltre, immagino, con il mio cappello sfacciato in testa, Yenikapi, dato che ti immergeresti nel limo. Il sito non è sott'acqua, quindi non è necessario fare immersioni!”

Anfora nel sito di Mazotos, a 45 metri di profondità (MARELab)
Anfore nel sito di Mazotos, a 45 metri di profondità (MARELab)

Quale scavo è ora in cima alla lista dei desideri per le future serie di Immergiti e scava? "Abbiamo considerato di esaminare i periodi più recenti, cioè dal medioevo al moderno, ma in termini di siti che hanno potenziale, Agio Petros deve essere seguito", ha affermato Blue. 

so presto, e con la ricerca che hanno avviato sul DNA, credo davvero che abbia molti altri segreti da rivelare”. Immergiti e scava è disponibile su tutte le principali piattaforme podcast e diretto dall'HFF (seguire su Twitter or Instagram).

Anche su Divernet: Cercasi: volontari di archeologia subacquea, Chi ha disturbato il sito dell'antica anfora mediterranea?, Corpo ritrovato su un relitto – Testa ritrovata 120 anni dopo?

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x