Il relitto dell'Andrea Doria mostra i suoi 60 anni

archivio – Diving NewsIl relitto dell'Andrea Doria mostra la sua età a 60 anni

Il primo viaggio con un sommergibile con equipaggio sull'Andrea Doria dopo più di 20 anni ha indicato che il relitto del transatlantico italiano, amato dai subacquei tecnici statunitensi, è in condizioni peggiori di quanto si pensasse in precedenza.

L'equipaggio di cinque uomini del Ciclope I ha deciso di catturare anche le immagini sonar del relitto video e fotografie. L'operatore statunitense di sommergibili OceanGate era stato incaricato da Argus Expeditions di stabilire dati di base accurati in modo che il deterioramento del relitto potesse essere monitorato in modo più efficace.

Le Andrea Doria affondò 60 anni fa, a est di New York e a sud di Nantucket, una piccola isola al largo del Massachussetts, il 25 luglio 1956. Il transatlantico si era scontrato con una nave passeggeri svedese, la Stoccolma, provocando 51 vittime, 46 nel Andrea Doria.

La scarsa visibilità, le forti correnti dell'Atlantico e la profondità di oltre 70 metri hanno reso difficile per i subacquei ottenere una panoramica del relitto lungo 212 metri in passato, quindi si sperava che i dati del sonar potessero identificare i punti di riferimento in cambiamento e rendere più facile l'osservazione. subacquei per navigare intorno ad esso in futuro. Si sa che sedici subacquei sono morti nell'incidente Andria Doria negli anni.

OceanGate ha ottenuto 17 scansioni sonar focalizzate sulla prua del relitto e sul fondale marino attorno ad esso, ma le condizioni avverse hanno interrotto la prevista spedizione di una settimana e sono state effettuate solo tre immersioni per un tempo di immersione totale di quattro ore.

"Sembra che il relitto continui a decadere, forse a un ritmo crescente, anche se questa conclusione è incerta a causa dell'esplorazione limitata dell'intero relitto", ha affermato OceanGate. Confrontando i risultati con precedenti scansioni sonar a bassa risoluzione ottenute dalla superficie, si è scoperto che pezzi del relitto sembravano essere caduti via.

Tuttavia, il rapporto aggiunge che "non abbiamo visto alcuna prova che" la prua si sia quasi rotta "del relitto, come è stato riportato in diverse pubblicazioni".
Tra l'equipaggio del Ciclope c'era l'ex astronauta Scott Parazynski, l'unica persona ad aver volato nello spazio e raggiunto la cima del Monte Everest. "Posso dire per esperienza che trovarsi sul fondo dell'oceano è altrettanto speciale", ha detto. "Il team della spedizione è stato ostacolato da condizioni difficili, ma questa è una realtà con cui convivi in ​​​​ogni esplorazione."

Il team prevede di ritornare l'anno prossimo nella speranza di creare un modello virtuale completo del relitto e del suo campo di detriti.

DIVERNET – Il più grande Online Risorsa per i subacquei

18-Jun-16

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x