Vincitori di Planet Ocean: Le maree stanno cambiando

Il vincitore di Underwater Seascapes Andy Schmid (UNworldoceansday.org)
Il vincitore di Underwater Seascapes Andy Schmid (UNworldoceansday.org)

I vincitori della decima edizione della Giornata mondiale degli oceani delle Nazioni Unite Foto La competizione è stata annunciata in un evento trasmesso in diretta alle Nazioni Unite New York sede l'8 giugno. Il concorso gratuito, che era lanciato a marzo, ha esplorato sei categorie tematiche legate al tema della Giornata Mondiale degli Oceani 2023 “Pianeta Oceano: le maree stanno cambiando”. Il WOD delle Nazioni Unite è un evento annuale dal 2008.

Leggi anche: Le immagini vincitrici per la Giornata Mondiale degli Oceani 2022

I primi tre posti in ciascuna categoria sono stati selezionati da una giuria internazionale di fotografi tra migliaia di partecipanti sia dilettanti che professionisti. I 18 vincitori rappresentavano 14 paesi e tre provenivano dal Regno Unito.

Nella categoria Paesaggi marini sottomarini, un'orca femmina che spacca una palla di aringhe mentre si tuffa per catturare un pesce (sopra) ha vinto il primo posto per il fotografo svizzero Andy Schmid, che ha catturato lo scatto dal basso durante l'apnea. "Ogni inverno enormi banchi di aringhe migrano dall'oceano aperto nei fiordi della Norvegia settentrionale e attirano un gran numero di grandi predatori come le orche e le megattere", ha affermato.

“Osservare le orche che si nutrono di aringhe utilizzando la cosiddetta tecnica del carosello è molto emozionante ma non facile da catturare, a causa di vari fattori: luce e visibilità limitate, azione frenetica, superficie fredda e temperatura dell’acqua. 

"Essere in grado di immergersi in apnea e catturare l'azione in una continua frenesia alimentare in queste condizioni è difficile, ma quest'inverno sono riuscito a creare una serie di foto che non avrei mai sognato di catturare."

Underwater-Seascapes 2° posto Mayumi Takeuchi-Ebbins (UNworldoceansday.org), concorso con tema Pianeta Terra
Paesaggi marini sottomarini 2° classificato Mayumi Takeuchi-Ebbins (UNworldoceansday.org)

Il secondo posto è andato alla concorrente britannica Mayumi Takeuchi-Ebbins, che ha assistito a un'enorme fioritura di meduse lunari dell'Alaska. Quando una femmina è pronta per l'accoppiamento cambia colore in rosa o viola, ma il fotografo ha impiegato molto tempo per individuare tra la folla una femmina di medusa in accoppiamento. "Ho potuto trovare solo una femmina rosa e molti maschi di meduse stavano inseguendo questa sposa rosa!"

Mettere il vincitore dell'Ocean First Tom Shlesinger (UNworldoceansday.org)
Mettere l'oceano al primo posto 1° posto Tom Shlesinger (UNworldoceansday.org)

In Mettere l'oceano al primo posto, il vincitore Tom Shlesinger dall'Israele ha mostrato una tartaruga embricata, una specie in grave pericolo di estinzione ma ancora abbastanza comune nel Golfo di Aqaba, nel Mar Rosso settentrionale, mentre osservava una barriera corallina artificiale soprannominata Igloo. Questo era stato installato come vivaio di coralli più di due decenni prima. 

"Questa tartaruga marina è tra le più piccole di tutte le tartarughe marine e la sua dieta è varia, spaziando da spugne e coralli molli a meduse, crostacei e altro ancora", ha affermato Schlesinger. "Subito dopo che i coralli furono trapiantati nell'Igloo, molti altri si stabilirono naturalmente, il che a sua volta attirò numerose specie di pesci e altri animali a visitare e abitare la struttura."

Mettere l'oceano al primo posto 2° posto Edwar Herreño Parra (UNworldoceansday.org)
Mettere l'oceano al primo posto 2° posto Edwar Herreño Parra (UNworldoceansday.org)

Il secondo classificato è stato Mani piene del biologo marino e capitano della barca Edwar Herreño Parra dalla Colombia. Si era offerto volontario per aiutare a catturare e ossigenare i cuccioli di squalo mentre venivano taggati, misurati, sessuati e prelevati campioni biologici prima di essere rilasciati, con 11 esemplari gestiti durante la giornata. I compiti dovevano essere svolti entro pochi minuti altrimenti gli squali potevano soffocare. 

Il sito era una delle più importanti aree di riproduzione degli squali, nel cuore dell'isola delle Galapagos, accessibile solo con l'alta marea tramite piccole imbarcazioni. "Durante la mia prima visita non potevo credere che esistesse un posto come questo", ha detto Parra. “Sembrava di essere in un film di cartoni animati: piccoli squali di tante specie, piccoli di razza e piccoli di tartaruga in gran numero ma soprattutto squali martello e pinna nera. Questo è uno dei più importanti fornitori di vita per l’oceano”.

Il meraviglioso mondo delle maree 1° classificato Chris Gug (UNworldoceansday.org)
Il meraviglioso mondo delle maree 1° classificato Chris Gug (UNworldoceansday.org)

I Meraviglioso mondo delle maree La categoria è stata vinta dal fotografo statunitense Chris Gug, che giorno dopo giorno ha esplorato con il suo drone un'aggregazione di mobula al largo di Cabo San Lucas in Messico. "Mi sono imbattuto nello Shorebreak più bello e potente in cui le onde massicce si infrangevano direttamente sulla sabbia", ha detto, e ha iniziato a catturare le immagini, ma sono rimasto deluso nello scoprire che le onde si infrangono a circa 20 metri e non agitano più la sabbia nello stesso modo. – perché, come si rese conto più tardi, ormai c’era la bassa marea.

"Una rapida ricerca su Google mi ha dato l'ora del picco dell'alta marea, e sono tornato ancora un altro giorno per trovare le onde che formano bellissimi barili che esplodono energicamente direttamente sulla spiaggia e risucchiano enormi quantità di sabbia ad ogni impatto."

Il meraviglioso mondo delle maree 2° posto Sina Ritter (UNworldoceansday.org)
Il meraviglioso mondo delle maree 2° classificato Sina Ritter (UNworldoceansday.org)

Sina Ritter dalla Germania è arrivata seconda nella categoria: "Assistere all'assoluta gioia di sperimentare l'abbraccio dell'oceano, mentre un piccolo cucciolo di tartaruga marina nera muove i suoi primi passi nelle onde della penisola di Osa in Costa Rica", ha detto. “Immerso nella luce dorata del sole al tramonto, questo piccolo avventuriero approfitta dell’alta marea, accorciando il suo viaggio e sfuggendo agli occhi attenti dei predatori.”

Ocean Is Life 1° posto Shane Gross (UNworldoceansday.org)
Ocean Is Life 1° posto Shane Gross (UNworldoceansday.org)

Tiro in alto nel L'oceano è vita è stato del canadese Shane Gross, che ha catturato una madre e un figlio che raccoglievano ricci di mare per la loro famiglia durante la bassa marea in una prateria di alghe a Bali, in Indonesia: “Le alghe sono un habitat costiero spesso trascurato, importante per la sicurezza alimentare, la biodiversità, la protezione dalle tempeste e la pesca. Le praterie di fanerogame marine immagazzinano inoltre il carbonio in modo più efficiente rispetto alle foreste pluviali, aiutandoci nella lotta contro il cambiamento climatico. Le praterie marine sono qualcosa che ambientalisti e pescatori concordano sulla necessità di essere protetta”. 

Ocean Is Life 3° posto Niklas Manger (UNworldoceansday.org)
Ocean Is Life 3° posto Niklas Manger (UNworldoceansday.org)

Il tedesco Niklas Manger si è classificato terzo (nessun secondo posto è stato assegnato) con un “fuggente momento di intimità nella vastità dell'oceano a Cabo San Lucas”.

Ha descritto il soggetto come “la danza senza tempo delle megattere, una danza che viene eseguita da secoli nelle profondità dell'oceano. Il tocco dei loro pettorali fini sembra quasi un gesto di affetto, che ci ricorda le forti connessioni emotive che esistono tra questi esseri intelligenti e senzienti. 

Grandi e piccoli volti sott'acqua 1° posto Glenn Ostle (UNworldoceansday.org)
Grandi e piccoli volti sottomarini 1° classificato Glenn Ostle (UNworldoceansday.org)

I Grandi e piccoli volti subacquei la categoria è stata vinta dal fotografo statunitense Glenn Ostle. A un breve tragitto in barca da La Paz, in Messico, si trovano gli isolotti rocciosi conosciuti come Los Islotes, che hanno una popolazione fino a 500 abitanti. California leoni marini, la più grande colonia riproduttiva nel Mare di Cortez, biologicamente diversificato.

"Abbiamo avuto la fortuna di visitare gli isolotti in un momento in cui anche enormi banchi di pesci abbondavano intorno agli isolotti", ha detto Ostle. “L’acqua sembrava ribollire di vita ed era ipnotico osservare i leoni marini sfrecciare in enormi aggregazioni di pesci argentati, solo per irrompere indietro attraverso i banchi, dividendoli e dividendoli. 

“I pesci si raggruppavano rapidamente, ma così fitti che spesso era difficile persino vedere un altro subacqueo a pochi metri di distanza. A volte, i leoni marini sembravano fermarsi e apparire un po’ sopraffatti alla vista di così tanti pesci a portata di mano, come sembrava stesse facendo questo giovane leone marino”.

Grandi e piccoli volti sottomarini 2° classificato Simon Temple (UNworldoceansday.org)
Grandi e piccoli volti sottomarini 2° classificato Simon Temple (UNworldoceansday.org)

Il secondo classificato è stato un fotografo britannico, Simon Temple, con il suo scatto di un ghiozzo comune che si prende cura delle uova deposte all'interno di un guscio di riccio. "Ho catturato questa immagine mentre mi immergevo nell'area marina protetta di Loch Carron in Scozia", ​​ha detto. “Molto spesso le conchiglie sono ricoperte da uno strato antiestetico di alghe; tuttavia, questa conchiglia era incredibilmente fresca e piena di colori e ovviamente ha attirato la mia attenzione!”

Non c'è tempo da perdere 1° posto Alvaro Herrero (UNworldoceansday.org)
Non c'è tempo da perdere 1° posto Alvaro Herrero (UNworldoceansday.org)

La finale No tempo da perdere La categoria prevedeva tre immagini ed è stata vinta dal fotografo spagnolo Álvaro Herrero, che ha mostrato la morte straziante di una megattera del Pacifico. al largo della Baja del Messico California, con la coda impigliata in una boa e già in decomposizione: “Un chiaro riflesso della morte lenta e dolorosa che stiamo dando ai nostri oceani, al nostro pianeta”, è stato il verdetto dei giudici.

WOD delle Nazioni Unite e il foto Il concorso è ospitato dalla Divisione delle Nazioni Unite per gli affari oceanici e il diritto del mare in collaborazione con la ONG Oceanic Global.

Il concorso è curato dalla fotografa subacquea Ellen Cuylaerts e coordinato con Guida fotografica subacquea (DPG), la Commissione oceanografica intergovernativa dell'UNESCO e Nausicaa. A tutti i partecipanti è stato richiesto di firmare una carta di 14 impegni etici fotografia

Fotografie vincitrici del concorso UN WOD degli anni passati può essere visto presso il sito della Giornata Mondiale degli Oceani delle Nazioni Unite.

Anche su Divernet: Immagini vincitrici per la Giornata Mondiale degli Oceani 2022

Il video del subacqueo che tocca lo squalo balena si traduce in una bella #notizia #scuba

TENIAMOCI IN CONTATTO!

Ricevi una raccolta settimanale di tutte le notizie e gli articoli di Divernet Maschera subacquea
Non facciamo spam! Leggi il nostro politica sulla riservatezza per maggiori informazioni.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

SEGUICI SU

0
Amerei i tuoi pensieri, per favore commenta.x